Eriksen offre soluzioni all’Inter e ha una grande chance: il motivo – CdS

Articolo di
25 Gennaio 2020, 10:58
Eriksen
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” spiega come l’arrivo di Eriksen porti all’Inter di Conte qualità e la possibilità di variare tattica. Il danese invece può fare il salto di qualità. 

INNESTO CHE CAMBIA – L’acquisto di Eriksen porta nell’Inter un elemento che non aveva in organico: un centrocampista/trequartista di qualità tecnica assoluta. Per essere più chiari, con Moses e Young i nerazzurri non cambieranno il loro gioco, tanto meno il loro assetto, con Eriksen invece potranno farlo. Tanto per cominciare Lautaro e Lukaku avranno a disposizione un nuovo tipo di innesco. Non solo il cross dalle fasce, non solo il dialogo stretto fra loro due messi in verticale, ma anche la palla svelta nel corridoio, l’assist che sbaracca le difese. Cambierà il modo di giocare dei due attaccanti, che dovranno vivere sul filo del fuorigioco, dovranno muoversi col tempo esatto, in perfetta sincronia fra loro (e questo già accade) e fra loro ed Eriksen, che aspetta solo che la difesa avversaria perda l’attimo dell’uscita o della “fuga” indietro per mettere la palla buona.

TATTICA – Nel calcio di Conte non è previsto il trequartista. Non c’era nemmeno in Nazionale. Quando è arrivato all’Inter, si è fatto comprare due centrocampisti di qualità come Sensi e di passo come Barella, due che entrano in area a rimorchio dell’azione, quasi sempre senza palla. In organico aveva già Vecino come centrocampista di quel tipo. Eriksen appartiene a un’altra razza e sarà curioso capire se, per favorire l’inserimento del danese, Conte modificherà il modulo passando dal 3-5-2 al 3-4-1-2. A occhio, difficilmente cambierà, anche perché Eriksen in carriera ha fatto pure il centrocampista, ovviamente offensivo, sia sul centrodestra che sul centrosinistra. Intorno a Brozovic ci sarà una bella scelta: Barella, Sensi, Eriksen, poi Vecino, Borja Valero e Gagliardini. Brozovic stesso potrebbe avere in Sensi il suo miglior sostituto. Accadrà magari il giorno in cui Conte penserà a una partita molto offensiva, con Sensi e Barella alle spalle di Eriksen o anche ai suoi fianchi.

SALTO DI QUALITÀ – Quando si parla di danesi di alto livello tecnico si pensa quasi sempre ai fratelli Laudrup, più a Michael (Lazio e Juve in Italia, Barcellona e Real Madrid in Spagna) che a Brian (Bayern Monaco, Fiorentina, Milan, Rangers e Chelsea), giocatori dotati di uno stile gentile, non cattivo (agonisticamente parlando) e ringhioso come sono le squadre di Conte. Eriksen porterà dei vantaggi all’Inter, ma anche l’Inter aiuterà il danese a migliorare. Ha 28 anni, è nel momento decisivo di una carriera che per adesso non gli ha dato quanto gli spettava. Il Tottenham non lo ha aiutato, è una squadra sempre a metà strada fra quello che potrebbe diventare e quello che non riesce a diventare. Finora, anche Eriksen è rimasto a quel punto, perennemente a metà strada. Ha vinto solo in Olanda con l’Ajax (tre campionati, una coppa nazionale e una Supercoppa d’Olanda) e anche i premi alla sua carriera gli sono stati assegnati tutti nei confini della Danimarca. Il talento di Eriksen, perché venga riconosciuto ovunque, deve impossessarsi dell’Europa e l’Inter gli offre questa possibilità.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE