Ent Icardi: “Resterebbe all’Inter a vita! Su di lui Real e Juve ma il rinnovo…”

Articolo di
26 settembre 2018, 15:32
icardi

Intervistato ai microfoni di “TeleLombardia”, Letterio Pino, storico agente e oggi membro del gruppo di procuratori che assiste Wanda per la parte legale e parte dell’entourage di Mauro Icardi, ha parlato del futuro della questione rinnovo dell’attaccante argentino con l’Inter

REAL MADRID – Queste le parole di Letterio Pino, membro dell’entourage di Mauro Icardi, sulla trattativa per il rinnovo del proprio contratto con l’Inter e non solo: «Il rinnovo? C’è serenità totale, chiaro che l’incontro prima o poi si farà nell’interesse di tutti. Mauro ha detto di voler rimanere all’Inter e per questo il Real Madrid, che cercava un profilo simile a Karim Benzema visto che pensavano ad una sua partenza, si è trovato davanti a un vicolo cieco».

EREDE DI ZANETTI – “Mauro resterebbe a vita perché tifa davvero l’Inter da quando da bambino. Lui si sente capitano dell’Inter a tutti gli effetti, si sente erede di Javier Zanetti. Poi è un ragazzo serio, è felice e nonostante le voci di ogni mercato rimane all’Inter ed è contento di rimanere».

RINNOVO – «Ovvio che se un’azienda va bene e ha un dipendente che è molto bravo, si cerca di premiarlo, ma per il rinnovo non abbiamo alcuna ansia anche perché non è stato fatto né richiesto da Wanda. Le sirene dall’estero o dall’Italia ci sono sempre state e ci saranno, ben venga questa cosa perché vuol dire che il giocatore è appetito e Piero Ausilio è stato bravo a prenderlo qualche anno fa».

JUVENTUS – «Forse è stata la somma di un po’ di situazioni, loro dovevano vendere Gonzalo Higuain e quindi si è accostato questo scambio. Ma a Mauro non ha mai sfiorato l’anticamera del cervello di lasciare l’Inter di cui è capitano. Mauro ormai si è abituato a far reparto da solo. Tante volte ci si aspetta che il gol se lo inventi dal nulla, ma Icardi è un giocatore con determinate caratteristiche da area di rigore. In altre parti del mondo nessuno si permetterebbe di dire al capocannoniere del campionato italiano che segna da sempre che partecipa poco alla manovra».







ALTRE NOTIZIE