Mondo Inter

Endt: «Onana oggi portiere affidabile. Lui all’Inter? Non sarei così sicuro»

Onana all’Inter? David Endt, storico team manager dell’Ajax non è così sicuro. Di seguito le sue parole nel corso di un’intervista rilasciata su TuttoSport.

DA BIGOnana raccontato da David Endt, ex team manager dell’Ajax e tifoso nerazzurro: «È arrivato ad Amsterdam dal Barcellona, al primo anno ha militato nella seconda squadra. E a dire il vero non sembrava così forte. Era spettacolare, reattivo e intuitivo, però esagerava con la palla al piede: ha commesso qualche papera, insomma. Non tutti erano sicuri della sua forza. Ma poi, quando ha compiuto il salto, è diventato molto affidabile e un punto di riferimento per l’Ajax. Sostituto di Handanovic all’Inter? Sarà dura perché lo sloveno è un mito per l’Inter. Di certo però Onana è un portiere davvero molto valido. Certo, dovrà adattarsi al calcio italiano. Ma non ho dubbi che ci riuscirà. Ha già giocato ad alti livelli per l’Ajax e potrà essere decisivo quando sarà chiamato in causa. Nei top club non subisci tantissimi tiri, ma devi essere pronto a respingere quelli che arrivano».

ALL’INTER – Lo storico team manager dell’Ajax parla del suo possibile trasferimento all’Inter: «In Italia si pensa sia già nerazzurro, ma io non sono così convinto che Onana lascerà l’Ajax. Marc Overmars, il direttore sportivo del club olandese, nonostante le dichiarazioni pubbliche, farà di tutto per provare a convincere il camerunese a restare e a firmare il rinnovo. Uno sforzo economico per trattenerlo non è quindi da escludere».

LA SQUADRA – Endt conclude parlando dei nerazzurri: «La squadra gioca bene, ma manca il Lukaku della situazione. Spero però che qualcosa possa cambiare, anche questa è la bellezza del calcio. Poi io da vero tifoso del calcio vivo nella speranza. L’Inter resta pazza, sono felice per la conquista dello scudetto dello scorso anno».

Fonte: TuttoSport

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button