Drago: “Sensi ha tecnica spagnola e sagacia italiana. Infortuni unico limite”

Articolo di
11 Aprile 2020, 10:13
Stefano Sensi
Condividi questo articolo

La “Gazzetta dello Sport” Massimo Drago, tecnico che ha lanciato Sensi al Cesena, che ne ha elogiato tecnica, visione di gioco e personalità.

CONVINTO SUBITO – «Sensi era al Cesena di passaggio, doveva andare di nuovo in prestito. Foschi mi disse: “Sta con noi qualche giorno e poi va”. Mi bastarono un paio di allenamenti per capire che aveva qualcosa di speciale. E dissi al direttore che doveva restare. Mi aveva colpito la tecnica di base sopraffina. Poi visione di gioco e senso tattico. Mandava la palla dove voleva e vedeva la giocata prima degli altri. Questa sua sagacia mi convinse e gli dissi: “Resta con noi, magari giochi 5 partite ma voglio tenerti”. In realtà era un bluff, sapevo già sarebbe stato protagonista e così fu. Vedere in anticipo lo sviluppo di un’azione è una dote che nessuno può insegnare e che solo i grandi giocatori hanno dentro. E lui ce l’ha».

PERSONALITA’ – «Io non mi sono meravigliato del suo impatto con San Siro. Con me faceva il play basso, un ruolo dove serve una spiccata personalità per non affondare. Lui si faceva dare palla in ogni zona, senza paura. E usciva sempre pulito dalla situazione di difficoltà. La cosa bella di Stefano è che può giocare davanti a centomila persone come se fosse al campetto con gli amici: non accusa la pressione. E anche al Camp Nou di Barcellona se ne sono resi conto…».

DUTTILE – «Mezzala o play basso? Tra i suoi tanti pregi c’è anche la duttilità. Penso che Conte lo preferisca mezzala perché l’Inter alza sempre uno degli interni a ridosso delle punte per concludere l’azione. Lui eccelle nell’ultimo passaggio e nel tiro da fuori e infatti sono arrivati anche tanti gol».

INFORTUNI – «Peccato per i suoi problemi fisici. Credo sia l’unico suo limite. Era successo già col Sas- suolo e ora la cosa si è ripetuta».

DUALISMO CON ERIKSEN – «Sensi e Eriksen sono due giocatori di grande qualità. Eriksen sta faticando ma la carriera parla per lui. Conte è il vero segreto del nuovo progetto Inter e Stefano è fortunato ad averlo come allenatore, con lui può crescere e imparare molto. Certo, lui ed Eriksen insieme mettono a rischio gli equilibri, ma con determinati avversari è un rischio che si può correre».

TALENTO UNICO – «Ho paragonato Sensi a Verratti.E qualcuno non la prese bene (sorride, ndr). Ma Stefano è unico, ha la tecnica spagnola unita alla sagacia tattica italiana. Però per diventare un top deve stupire con continuità».

OCCASIONE AZZURRA – «Sa esaltarsi come pochi quando si mette in testa un obiettivo e il nuovo corso di Mancini sembra fatto proprio per lui: se la qualità e la tecnica sono la base del progetto, vuol dire che Stefano ha tutti i requisiti per farne parte».

Fonte: Vincenzo D’Angelo – La Gazzetta dello Sport


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE