Mondo Inter

De Canio: «Inter e Juventus alla pari. Competitivi anche senza Lukaku»

L’Inter ha perso Hakimi e Lukaku, ma proverà comunque a difendere lo scudetto appena conquistato. Stando a quanto detto dall’allenatore De Canio ai microfoni di “TMW Radio”, i nerazzurri partono alla pari con la Juventus in campionato e rimangono candidati per il titolo anche senza l’attaccante belga in rosa.

GRIGLIA DI PARTENZA – Luigi De Canio vede l’Inter di Simone Inzaghi e i bianconeri di Massimiliano Allegri in prima fila per il campionato, con il Napoli che può impensierirle: «La Juventus può essere arricchita da nuovi acquisti come Manuel Locatelli e Miralem Pjanic, ma non la metto davanti all’Inter. L’anno scorso si è visto che possono esserci delle problematiche qualsiasi, qualche giocatore che non rende per quello che vale o qualche problema fisico. Questo può inficiare il rendimento. Sulla carta Juventus e Inter erano le squadre da battere l’anno scorso e lo stesso sarà quest’anno. Però c’è anche il Napoli che non ha cambiato molto e ha una rosa ancor più cementata, arricchita da un grande allenatore come Luciano Spalletti».

INTER SENZA BIG ROMRomelu Lukaku è ormai un giocatore del Chelsea, mancano solo le ultime formalità (vedi articolo). Secondo De Canio, anche senza di lui l’Inter rimane competitiva per vincere lo scudetto, ma ha fatto qualche passo indietro in Europa: «Anche con questa squadra e con questo allenatore (Simone Inzaghi, ndr), anche se non ha la stessa esperienza di Antonio Conte in fatto di vittorie, credo che questa Inter possa essere competitiva per lo scudetto. Tutto ciò che ha speso lo scorso anno non era solo per vincere il campionato, sarebbe stato riduttivo. Credo che possa aver fatto un passo indietro per le altre competizioni. Per lo scudetto non sarà la favorita numero uno come l’anno scorso, ma è una squadra che può assolutamente concorrere per il titolo. Diverso è il discorso per l’Europa».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button