De Canio: “Inter, Conte porta a 200 anche i nuovi! E c’è un motivo. Moses…”

Articolo di
22 Gennaio 2020, 08:16
De Canio
Condividi questo articolo

De Canio – ex allenatore della Ternana -, ospite negli studi di “Sportitalia Mercato” su Sportitalia, parla delle ambizioni dell’Inter di Conte dopo le recenti dichiarazioni che spingeranno la società a regalare rinforzi al tecnico nerazzurro. E il pupillo Moses è solo il primo (dopo Young)

FILOSOFIA CONTIANA – Il suo allievo ai tempi di Siena è l’eccezione che conferma la regola, Gigi De Canio non ha dubbi sulle possibilità tricolori nerazzurre: «Non è facile avvicinarsi alla Juventus. L’Inter ha bisogno di giocatori di caratura internazionale che abbiano qualità e capacità di apportarla alla squadra. Il valore aggiunto è l’allenatore. Sui calciatori stranieri che arrivano a metà campionato ho sempre delle remore, però quando si tratta di Antonio Conte si può mettere su tutto perché ha capacità per far rendere qualsiasi calciatore a livello altissimo. Ed è possibile che possa anche riuscire a coinvolgere questi calciatori immediatamente in questo concetto di gioco dell’Inter. Anche i nuovi devono andare a duecento all’ora, Victor Moses ci andava al Chelsea (sorride, ndr). Questo è il suo credo, il suo essere allenatore. Conte porterà tutti ad andare a duecento all’ora, ma il suo concetto è che la squadra non ha una qualità eccelsa in tutta la rosa, cioè nei ricambi, e ha bisogno di mantenere alto questo livello. Conte li allena in questo modo perché questo è il suo calcio, poi intercambiando i calciatori può tenere alto il livello di competitività della squadra, così permette a qualcuno di riposare per essere competitivo in tutte le partite».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE