D’Amico: “Serie A, servono regole e chiarezza. Mercato? Anche a ottobre”

Articolo di
30 Aprile 2020, 10:04
Andrea D'Amico
Condividi questo articolo

“La Gazzetta dello Sport” ha intervistato in esclusiva il noto procuratore sportivo Andrea D’Amico. Si parla di calciomercato (che potrebbe essere stravolto, QUI i dettagli) e dell’eventuale ripresa della Serie A

BIVIO – Andrea D’Amico, storico agente sportivo, prova a ipotizzare ciò che accadrà in Serie A, «nonostante tutto sia un work in progress». Si parte con i giocatori prossimi allo svincolo, il problema più imminente: «La Fifa era stata chiara, suggerendo di fissare la scadenza al termine della nuova stagione. Di conseguenza, dovrebbe ufficializzare questo ‘passo’, fondamentale per chiudere i campionati in tranquillità. Cito Dries Mertens come esempio: se il Napoli continuasse a giocare, che senso avrebbe negoziare un nuovo accordo valido per due mesi? Chi è in scadenza deve liberarsi al 90’ dell’ultima partita giocata con l’attuale squadra».

FINESTRA E REGOLE – Per i prestiti secchi la situazione è pressoché identica. «Stesso concetto: si rientra a fine luglio o a metà agosto, comunque al termine della stagione. Non cambia nulla per chi è stato ceduto a gennaio per giugno: Andrea Petagna finirà con la SPAL il 13 agosto? Andrà al Napoli il 14. Non vedo altre idee per garantire la regolarità della torneo. Riscatti? In teoria entro il 30 giugno si potrà procedere per l’acquisto del calciatore in prestito con diritto, ma servirà una normativa che possa ufficializzare questa possibilità. Fatico a pensare a un mercato unico ed esteso fino al 31 dicembre 2020: come durata, mi pare eccessiva. Piuttosto, provo ad azzardare uno scenario: individuare in settembre e ottobre i mesi in cui poter procedere con il mercato, ovviamente una volta conclusa l’annata 2019-20».

RISCHI E PRIORITÀ – Ma la sovrapposizione prolungata tra mercato e campionato, secondo D’Amico, è un rischio che la Serie A deve evitare: «Sarebbe assurdo fare trattative, per esempio, a luglio con un mese davanti di partite. Si deve finire entro agosto, poi si potrebbe procedere con il mercato, fondamentale per i club. Il calciatore rischia di essere svalutato, dobbiamo interrompere questo ‘cortocircuito’ globale. La crisi ha toccato tutti: se non si riparte, le persone non moriranno di Covid-19, bensì per la mancanza di denaro. Tante aziende stanno rischiando di non riaprire. Faccio un appello alla Fifa, che ha una riserva economica di circa due miliardi di euro: perché non utilizzarne una parte per aiutare le Federazioni? E aggiungo una cosa: chiunque dovrà fare il possibile per tornare a giocare. Dovremo convivere con una percentuale, anche minima, di rischio. Altrimenti, non ne usciremo più».

COMPROMESSO – Gli stipendi, infine, rappresentano un’altra patata bollente: «Tema che fa discutere, lo capisco, ma pure gli atleti vengono danneggiati. In questo periodo, sono rimasti a disposizione dei club allenandosi tutti i giorni: vero, non ci sono gare, ma potrebbero disputarle più avanti, nel tipico periodo di vacanza. Il mercato in Serie A? Punterei sui giovani, possibilmente italiani. Sarebbe una finestra meno internazionale,ma di grandissimo valore interno».

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Francesco Fontana


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE