Mondo Inter

Dacourt: «Roma-Inter, nerazzurri favoriti! Triplete? Nessun rimpianto»

Dacourt ha rilasciato una lunga intervista al sito Il Posticipo in occasione della sfida tra Roma e Inter. L’ex di entrambe le squadre ha parlato di vari tempi, tra cui la sua esperienza in nerazzurro tra il 2006 e il 2009. 

ORIGINI – Olivier Dacourt ha parlato del suo inizio nel mondo del calcio con un idolo nerazzurro: «Mio padre era medico, mia madre infermiera. Lavoravano entrambi nella sanità. Io ho conosciuto il calcio grazie a mio zio. Ho cominciato a giocare e mi sono innamorato del pallone. Da ragazzino avevo due miti: Kevin Keegan e Alessandro Altobelli. Erano grandi attaccanti. Io sono nato trequartista, poi sono scalato un po’ dietro. Ho giocato con calciatori top: allo Strasburgo ricordo Aleksandr Mostovoj. Per avere più equilibrio in campo ho fatto un passo indietro e poi ho continuato in quella posizione».

COMPAGNI – Dacourt ha raccontato del suo legame con Marco Materazzi iniziato ai tempi dell’Everton in Premier League: «È stata una grande esperienza. Io e Marco eravamo i calciatori stranieri della squadra. Ci siamo trovati subito bene. Poi ci siamo riabbracciati in Italia qualche stagione dopo: è stato Materazzi a spingermi verso l’Inter dopo l’addio alla Roma. Mi ha detto che era la squadra giusta per vincere. Così è stato».

SFIDA – Dacourt ha spiegato cosa rappresenta per lui Roma-Inter: «È una partita speciale. Sono le due squadre italiane in cui ho giocato e a cui sono più legato. Quando giocavo nella Roma ho perso due volte la Coppa Italia contro l’Inter, poi mi è successa la stessa cosa a maglie invertite: è curioso, all’inizio mi ha fatto male, poi l’ho superato. La Roma è stata la mia prima squadra italiana, all’Inter ho vinto tanto. Sono le due squadre della mia vita, faccio il tifo per entrambe. È favorita la squadra di Simone Inzaghi. In questo momento secondo me i nerazzurri hanno qualcosa in più e lottano da favoriti nella corsa scudetto. Però la Roma spinta dai tifosi può fare una buona partita».

TECNICO – Dacourt ha detto la sua su José Mourinho in giallorosso: «Sta facendo bene con una Roma diversa da quella in cui ho giocato io. Noi eravamo più forti. Mou è un grande allenatore, l’uomo giusto per questa squadra, sa fare bene in queste situazioni dove c’è pressione».

SCELTE – Dacourt ha concluso commentando il suo addio all’Inter: «Rimpianti per non aver fatto parte del Triplete? No, non ho nessun rimpianto. Nella vita prendiamo delle scelte ed è giusto così. Poi vivere di rimpianti non porta da nessuna parte. Ho lasciato l’Inter quando è stato il momento di farlo. Roberto Mancini? Ha conquistato scudetti e coppe con una squadra formata da campioni. Mancio era un fuoriclasse, lo è stato ancora di più alla guida dell’Italia. Ha guidato un grande gruppo. L’Italia deve molto a Mancini. Zlatan Ibrahimovic? Ibra era il nostro leader. Poi è sempre stato un capo per natura. All’Inter faceva giocare bene tutti quelli che gli stavano attorno: succede la stessa cosa al Milan. Ibra non invecchia mai. È un grande campione».

Fonte: ilposticipo.it – Simone Lo Giudice

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh