Cruccu: “Inter disattenta, post Icardi destabilizzano. Spalletti…”

Articolo di
3 febbraio 2018, 01:33
Matteo Cruccu

Il giornalista Matteo Cruccu, tifoso interista, è stato ospite di “YouPremium Weekend” su Premium Sport. Abbastanza duro il suo giudizio nei confronti di Mauro Icardi e della gestione dell’Inter, ma anche Luciano Spalletti non sarebbe esente da colpe visto che non cambia modulo.

NESSUNO ESCLUSO«Mauro Icardi? Mi stupisce che sembrava essersi rieducato, negli ultimi mesi era stato tranquillo, poi nel momento peggiore invece di proporre un comportamento all’altezza… Al di là della foto su Icardi un po’ penosa questi messaggi in codice non fanno altro che destabilizzare un ambiente che in questo momento tutto ha bisogno tranne che essere destabilizzato. Dobbiamo stare a interpretare le icone, siamo pazzi? Io sono sempre stato un detrattore un po’ di Icardi anche calcisticamente parlando, però devo dire che negli ultimi mesi con Luciano Spalletti sembrava un altro anche fuori dal campo, poi a un certo punto capita dalle parti di Appiano Gentile che anche le cose che sembrano incanalate su una certa via cambiano. Spalletti ha detto una cosa sui cui riflettere, non fare la figura dei bambini, destabilizzi milioni di tifosi e non deve succedere. La riflessione la deve fare la società, alla Juventus succedono quese cose? Ricordiamo che qui c’è una recidività, il libro famoso di Icardi non controllato da nessuno all’Inter. C’è disattenzione, una grande società con dirigenti come Walter Sabatini non se lo può permettere, sono granelli di sabbia che vanno negli ingranaggi. Éder Citadin Martins? Non è l’alternativa a Icardi, non può esserlo. È un ottimo giocatore ma non gli puoi far fare il vice-Icardi, non ha le caratteristiche. Io fossi Spalletti cambierei modulo, perché non 4-4-2 con Éder e Icardi? Ci sono troppi giocatori fuori forma che continuano a giocare».







ALTRE NOTIZIE