Crespo: “Inter, non volevo andar via! Che emozione la doppietta con l’Ajax”

Articolo di
2 Maggio 2020, 18:57
crespo inter
Condividi questo articolo

Hernan Crespo, ex attaccante dell’Inter, ha rilasciato una lunga intervista a France Football. Si è parlato inevitabilmente della sua carriera in nerazzurro e l’argentinho ha raccontato anche un retroscena sul suo trasferimento

EMOZIONI – Herna Crespo ha parlato prima dei suoi migliori gol: «Ho giocato in Champions League con la Lazio, con l’Inter, con il Chelsea, con il Milan (ride, ndr). C’è necessariamente questo ricordo, che ha segnato la storia della Champions League e anche del calcio, sono i due gol a Istanbul, nella finale contro il Liverpool, la partita dal 3-0 al 3-3. Ci sono però altri bei momenti: il mio primo gol con il Parma contro il Galatasaray, allo stadio Tardini; la doppietta contro l’Ajax con l’Inter; il gol in semifinale contro il Monaco nel 2004, con il Chelsea, nonostante l’eliminazione. Ce ne sono molti! I gol rimangono nei ricordi dei tifosi e, ovviamente, è un piacere. Ma la parte migliore è l’avventura. Viaggiare, vivere in gruppo con i tuoi amici, prepararmi le gare. Questo è ciò a cui tengo, perché è anche legato alle relazioni emotive e umane. Anche se per i tifosi, ha senso ricordare i gol».

TRASFERIMENTO – Crespo si è poi concentrato sul suo primo addio all’Inter: «Devo essere sincero, non volevo lasciare l’Inter. Volevo restare, avevo comprato una casa dieci giorni prima ma, per motivi economici, l’Inter aveva deciso di vendermi. Il mio sogno era giocare in Italia, non era mai giocare in Premier League. E quando ci sono arrivato, mi sono divertito molto! È stato grandioso, davvero due anni eccellenti con uno stretto rapporto con i tifosi del Chelsea. Mi è piaciuta molto la cultura e la mentalità del calcio inglese. Oggi è il miglior campionato del mondo. Ma, come la Champions League, è stato un amore tardivo (ride). Da bambino sognavo l’Italia».

GIOCATORI PREFERITI – Chiusura per Crespo sui suoi giocatori preferiti al momento: «Lionel Messi e Cristiano Ronaldo sono su un livello diverso rispetto agli altri. Poi – se parliamo di numeri 9 – ci sono giocatori che mi piacciono molto come Robert Lewandowski, Karim Benzema, Luis Suarez. Un giocatore che paga un po’ per il suo trasferimento e che deve adattarsi, ma ha un’intelligenza incredibile è Antoine Griezmann. Ha fatto una coppa del mondo intelligente. Capisce il gioco in modo incredibile. A Barcellona, non abbiamo ancora visto la migliore versione di Griezmann. Ha accettato la sfida di una filosofia completamente diversa. Ci vorrà del tempo. Ma ci sono molti giocatori che amo. Non ho parlato degli argentini, ma è lo stesso per Sergio Aguero, Gonzalo Higuain e Lautaro Martinez».

Fonte: francefootball.com

 


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE