Mondo Inter

Costacurta: «Supercoppa equilibrata? No, Inter 23 tiri in porta! Inzaghi…»

L’Inter ha vinto la Supercoppa Italiana grazie alla rete di Sanchez al 121′, l’ultimo pallone della partita. Costacurta, intervenuto durante Calciomercato – L’Originale su Sky Sport, elogia il grande lavoro di Inzaghi.

FURBIZIA – L’Inter riporta la Supercoppa Italiana in bacheca grazie alla rete decisiva di Alexis Sanchez. Secondo Alessandro Costacurta, il cileno è stato molto scaltro: «Il gol di Sanchez? Non so se riesce a giustificare tutto, diciamo che è un primo passo ma secondo me l’Inter è ancora in credito. Ultimamente si è fatto sempre trovare pronto, in certe occasioni riesce ad aprire le difese. È stato moto scaltro e furbo e non è un caso che il gol sia nato da due subentrati. Simone Inzaghi ha già fatto un miracolo con la Lazio, dove aveva una squadra inferiore. L’Inter ha tirato ventitré volte verso la porta della Juventus, quindi dire che è stata una partita equilibrata è ingiusto nei confronti dell’Inter. In realtà Inzaghi il miracolo lo aveva fatto e ora ci vuole la ciliegina, che non è la Supercoppa Italiana perché secondo me deve puntare al bersaglio grosso».

MERITI – Costacurta parla anche della capacità dell’Inter di creare così tante occasioni: «Io credo che Romelu Lukaku per la Serie A possa essere sensazionale, per un altro tipo di campionato invece un po’ di meno. Per Antonio Conte è stato il giocatore più importante, l’Inter ha fatto benissimo a cercare un allenatore che riuscisse a far creare alla squadra così tante occasioni. Ribadisco il fatto che l’Inter ha una capacità di creare occasioni che poche hanno in Europa, a parte le squadre inglesi e questo secondo me è merito dell’allenatore. Matteo Darmian? Io lo chiamo uno dei miei ragazzi perché l’ho visto crescere, aveva già concentrazione e intelligenza dalla sua parte. L’esperienza in Inghilterra lo ha fatto crescere tanto».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button