Corso: “Inter-Napoli aperta, ma azzurri favoriti! Nainggolan? Maicon…”

Articolo di
25 Dicembre 2018, 17:38
Mario Corso
Condividi questo articolo

Intervistato dal giornale “Repubblica”, Mario Corso ha parlato della sfida tra Inter e Napoli, in quanto ex di entrambe le società – all’Inter da giocatore e al Napoli da allenatore della Primavera -, poi conclude con una parentesi su Spalletti e Nainggolan

RISULTATO APERTO – Mario Corso parla della sfida tra Inter e Napoli di domani sera, e la squadra che vede favorita per la vittoria finale: «Gara apertissima, si gioca a San Siro e l’Inter avrà le sue possibilità. Ma il Napoli, complessivamente, è davanti. E ha fatto un grosso acquisto (riferendosi a Carlo Ancelotti, ndr), un colpo. Entrambe le squadre giocheranno per vincere. Il pari non serve a nessuno. Né al Napoli, che ha ancora e giustamente velleità da scudetto, né all’Inter che deve riscattarsi».

I DUE PREFERITI – L’ex centrocampista dell’Inter parla dei suoi giocatori preferiti nell’Inter: «Mauro Icardi su tutti. Un giocatore che fa sempre gol è il massimo. E sta anche imparando a partecipare alla manovra della squadra. E Ivan Perisic: mi piace molto e fa un gran lavoro anche se quest’anno ancora non ha carburato».

SPALLETTI E NAINGGOLAN – Poi Corso parla di Luciano Spalletti e della situazione legata a Radja Nainggolan: «A me Spalletti piace, ha ritirato su l’Inter e con Milan Skriniar e Matteo Politano ha fatto due ottimi acquisti in queste stagioni. Nainggolan… che devo dire? Si sapeva che tipo era… Ma io guardo soprattutto a quello che il calciatore fa in campo, non fuori. Ricordo ad esempio che nell’Inter di José Mourinho il terzino Maicon non fosse proprio un esempio lontano dal terreno di gioco, ma era semplicemente fondamentale quando giocava».

CORSO DOPPIO EX – Corso ricorda la sua natura di doppio ex: «Ne parlo volentieri: amo l’Inter, ma a Napoli ho lasciato davvero il cuore. Arrivai al Napoli grazie a Italo Allodi, già straordinario manager della Grande Inter: fece il mio nome a Corrado Ferlaino, gli disse che ero l’uomo giusto per creare una grande Primavera azzurra e lui mi prese subito. Sono sincero: per me lo scudetto Primavera con il Napoli è un successo importante come quelli che lei ha nominato (quattro scudetti, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali con l’Inter, ndr). E che mi lega a Napoli. Anche se sono sempre interista e tifo Inter eh… Speriamo di assistere tutti a una bella partita».

Fonte: Repubblica – Giovanni Marino


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer






ALTRE NOTIZIE