Conterio: “Spalletti, attacco tardivo. Mercato? Dovrà pazientare”

Articolo di
27 maggio 2018, 20:00
Marco Conterio

Nel suo editoriale per il sito “TuttoMercatoWeb” il giornalista Marco Conterio ha analizzato la conferenza stampa di Luciano Spalletti andata in scena giovedì pomeriggio: nonostante lo sfogo ci sarebbe ancora la necessità di un po’ di tempo per dargli l’Inter che vuole.

ATTESA OBBLIGATORIA – “Sorprendenti le parole di Luciano Spalletti di fine stagione. Si è tolto dei sassoloni dalle scarpe ma, forse, è sembrato un po’ tardivo il suo attacco e neppure troppo velato nei confronti del mercato. Delle strategie societarie. Di chi, Walter Sabatini, gestiva prima il mercato insieme a Piero Ausilio. Il problema è che adesso l’Inter deve racimolare, tra esuberi e plusvalenze, quaranta milioni di euro entro fine giugno. Non impossibile, ma dovrà esser brava la dirigenza attuale a scongiurare l’addio di un big. L’eventuale indiziato è pure difficile da individuare, perché dopo mesi di flop, Marcelo Brozović si è rialzato ma non ha dimostrato continuità da grande. Ivan Perišić continua nelle sue montagne russe del rendimento. Mauro Icardi? Sì. Ma il Real Madrid cerca qualcosa di diverso davanti, c’è semmai da capire che ne sarà del mercato del Chelsea e dell’attacco del PSG. Però la sensazione, unica e condivisa dall’ambiente, è che l’Inter e l’argentino andranno avanti insieme. Milan Škriniar? Nessuna offerta ancora perché sessanta milioni non si pagano a cuor leggero ma è l’indiziato se la strategia esuberi-plusvalenze non dovesse andare a segno. E i rinforzi? Sì, i colpi fatti finora sono importanti e affascinanti. Kwadwo Asamoah, Stefan de Vrij, Lautaro Martínez. Titolari o potenziali tali, per Luciano Spalletti. Che però vuole ancora altro, soprattutto sugli esterni e a centrocampo. Ma dovrà pazientare”.