Condò: “Spalletti premia Candreva e “invita” Gagliardini! Inter grande se…”

Articolo di
15 settembre 2018, 15:05
Paolo Condò

Paolo Condò – presente negli studi di “Sky Sport” per il prepartita di Inter-Parma – dice la sua sulle scelte fatte da Luciano Spalletti, che non dimentica l’esordio in Champions martedì a San Siro contro il Tottenham: il giornalista pone l’accento soprattutto su Roberto Gagliardini e Antonio Candreva. Di seguito le sue dichiarazioni

ESCLUSI Paolo Condò commenta le scelte di Luciano Spalletti, che contro il Parma decide di schierare dal 1′ due esclusi dalla lista Champions: «Dalbert e Gagliardini non inseriti in lista Champions naturalmente conviene farli giocare sia per non perderli sia per dosare le forze. Mi piace molto l’approccio avuto da Spalletti dopo il sorteggio Champions. L’Inter ha sospirato tanto questo ritorno, è giusto che adesso se lo goda. Quando inizi a giocare ogni 3 giorni ci sono partite che privilegi – in questo caso il Tottenham – e altre gare dove, se vuoi essere competitivo, devi vincere anche se non schieri la formazione migliore, altrimenti non sei una grande squadra».

INCENTIVI – Il giornalista prosegue poi parlando della psicologia di Luciano Spalletti, che cerca di tenere tutti sulla corda: «La scelta di schierare Candreva oggi ha una spiegazione psicologica: Candreva, che riesce a rompere il ghiaccio appena entrato contro il Bologna, è stato subito premiato. Spalletti dice ‘tu mi rispondi e io rispondo a te’, è un incentivo. Allo stesso modo Gagliardini, che è arrivato dall’Atalanta con le stimmate del grande centrocampista, non ha mantenuto le aspettative perché secondo me ha mostrato carenza di personalità: rimetterlo titolare in questo momento, dove prova anche amarezza per l’esclusione dalla lista Champions, è un invito a reagire perché magari Spalletti poi a gennaio dice ‘tolgo Vecino e rimetto dentro te’. Secondo me è giusto dare una seconda possibilità a Joao Mario. Keita se riuscisse a fare una cifra simile di gol e assist di quella fatta con la Lazio, se avrà un minutaggio sufficiente, potrebbe avere un vero e proprio banco di prova all’Inter».







ALTRE NOTIZIE