Condò: “Quella dell’Inter è una “crisetta”. Jovetic triste e…”

Articolo di
17 gennaio 2016, 14:22
condò

Paolo Condò ha analizzato la prestazione dell’Inter di ieri mettendo in luce il momento no vissuto attualmente dalla squadra di Roberto Mancini. A deludere maggiormente il tecnico è Stevan Jovetic, lontano parente del giocatore ammirato ai tempi di Firenze.

MANCINI DELUSO – «Secondo me Mancini ha dormito molto peggio ieri che non dopo la sconfitta contro il Sassuolo perché quella sconfitta era arrivata al termine di una buona prestazione mentre il pareggio di ieri sono due punti persi in ottica classifica ma è un punto guadagnato per quello che si è visto in campo perché senza un miracoloso intervento di Handanovic su Cigarini l’Atalanta sarebbe tornata in vantaggio e sarebbe stato difficile raggiungerla nuovamente».

MINI CRISI – «L’Inter in questo momento sta attraversando una “crisetta” che può capitare alle squadre nel corso del campionato: Napoli e Juventus ne sono uscite, ora bisogna vedere se l’Inter sarà capace di uscire da questo momento molto negativo e ripartire. Alla Roma Garcia non è riuscito ed è stato cambiato. Se non riescono ad uscire da questo loop le ambizioni Scudetto fatalmente vanno a declinare perché le altre corrono; il fatto che succeda nei giorni di mercato forse potrebbe fornire una via d’uscita per prendere i giocatori giusti».

JOVETIC – «Mancini è rattristato dal fatto che alcune sue scommesse non stanno portando gli effetti sperati; mi riferisco sopratutto a Jovetic. Lui aveva lasciato l’Italia come uno dei giovani talenti più interessanti al mondo venendo acquistato dal Manchester City dove però non ha vissuto una buona esperienza per problemi fisici e perché, nella concorrenza con altri grandi giocatori, Pellegrini gli ha preferito altri. Purtroppo per l’Inter finora quello che si è visto non è il giocatore fantastico di Firenze ma la versione grigia e triste di Manchester. Parliamo comunque di una scommessa visto che se si fosse affermato a grandi livelli non sarebbe tornato di certo qui in Italia, è il difficoltà però il talento c’è tutto».

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE