Compagnoni: “Juventus-Inter, un ritorno pesa di più. Porte chiuse…”

Articolo di
5 Marzo 2020, 00:35
Maurizio Compagnoni
Condividi questo articolo

Juventus-Inter (si attende l’ufficialità della Lega Serie A) sarà riprogrammata per le 20.45 di domenica. Compagnoni, ospite di Sky Sport 24, ha parlato del derby d’Italia che si dovrebbe giocare fra pochi giorni, individuando una notizia positiva per Conte.

LA PARTITISSIMA – La Serie A dovrebbe ripartire da Juventus-Inter, sulla quale si esprime Maurizio Compagnoni: «Le due squadre ci arrivano sicuramente riposate. Questo è un periodo molto particolare, dove anche in questi giorni mantenere la tensione agonistica è stato molto difficile. Il fatto che si sia definito che si gioca penso aiuti le squadre a rituffarsi nella competizione e nell’atmosfera del campionato, che ci presenta un grandissimo evento. Juventus-Inter è un grande evento anche a porte chiuse. Nonostante gli spalti vuoti, che nuoce allo spettacolo, Juventus-Inter rimane una grandissima partita fondamentale per l’economia del campionato. La Juventus può riprendersi la testa, l’Inter può tornare prepotentemente in corsa».

IL TEST – Per Compagnoni in caso di KO per Antonio Conte in Juventus-Inter sfumerebbero molte chances di titolo: «Probabilmente sì, anche perché fosse una squadra sola no ma sono due che scapperebbero. Sperare che vadano entrambe in crisi diventa più complicato, anche se l’Inter può infilare una serie positiva come quella della Lazio. È ovvio che se dovesse perdere lo scontro diretto con la Juventus lo scudetto sarebbe molto complicato. Innanzitutto io credo che questa partita rappresenti un esame di maturità per l’Inter. Fino a questo momento ha fatto molto bene, credo che sia in linea con i programmi e forse anche un po’ oltre. Al di là del risultato anche la qualità della prestazione ci farà capire quanto l’Inter è lontana a una squadra che vuole vincere lo scudetto. Sicuramente non è lontana, domenica capiremo quanto è vicina».

IL RIENTRO – Il rinvio di Juventus-Inter ha dato più giorni ai nerazzurri per recuperare, per esempio gli infortunati. Compagnoni ne trova uno su tutti: «Con tutto il rispetto per Victor Moses e Stefano Sensi, credo che pesi di più in positivo il recupero di Samir Handanovic che l’assenza di questi due giocatori. Al posto di Moses credo giochi Antonio Candreva, che sta facendo una grandissima stagione, in luogo di Moses potrebbe giocare Matias Vecino o soprattutto Christian Eriksen. Ecco perché ritengo che pesi di più, in positivo, il recupero di Handanovic che l’assenza di due giocatori importanti come Moses e Sensi».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE