Col Lugano brilla Sensi: nel 3-5-2 è leader e play avanzato – GdS

Articolo di
15 luglio 2019, 10:21
Stefano Sensi Lugano-Inter

La “Gazzetta dello Sport” sottolinea l’impatto di Sensi sull’Inter. Il centrocampista contro il Lugano si dimostra un valore aggiunto.

NUOVO LEADER – La prima impressione dalla prima amichevole col Lugano è che questa sarà l’Inter di Sensi. E non poteva essere diversamente: nel 3-5-2 di Conte è indispensabile chi faccia scattare la scintilla e organizzi la manovra di accerchiamento e il predominio territoriale. Questo compito spetta all’azzurro appena arrivato dal Sassuolo eppure già padrone di un ruolo e, pare, di una squadra che lo cerca e lo elegge leader. Non a caso segna il primo gol dell’era Conte.

PLAY E PRESSING – Il 14 luglio non si possono fare analisi definitive, però le indicazioni sono chiare. Questo 3-5-2 ha il play più avanzato perché Sensi si sistema a sinistra, lasciando a Brozovic la protezione centrale. Comprensibile, vista la modesta fisicità dell’azzurro: probabile motivo per cui già De Zerbi l’aveva spostato mezzala. Brozovic, avendo accanto Sensi e, in futuro, Barella, potrà risparmiare fosforo per esprimere più forza fisica e pressing alto (visto ieri). Interessante un’altra soluzione tattica: in fase di non possesso, Sensi si accentra per schermare il play del Lugano, Custodio, disegnando una specie di 3-4-1-2. Vedremo quanto fattibile con rivali di altro valore in attacco. Perché l’incognita è l’Inter, fino al finale con tutti i nuovi, non è stata quasi mai sollecitata in difesa. E ciò ha consentito agli esterni di giocare più da ali che da terzini. Ma contro Juve, Napoli e in Champions?

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE