Cesari: “Milan-Inter, gol prima annullato a Brozovic? 2 valutazioni differenti”

Articolo di
23 settembre 2019, 00:23
Graziano Cesari

L’ex arbitro Cesari è intervenuto nel corso di “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” su Italia 1 per commentare gli episodi da moviola del derby Milan-Inter. In particolare ne ha isolati tre, fra cui quello inizialmente annullato a Brozovic e poi concesso dal VAR.

RAMMARICO ROSSONEROGraziano Cesari comincia la moviola di Milan-Inter da un episodio che non ha grosse discussioni: «Minuto ventitré, risultato sullo 0-0. È un gol annullato al Milan di Hakan Çalhanoglu, anzi non possiamo neanche dire gol annullato perché il fischio di Daniele Doveri è arrivato prima che la palla finisca alle spalle di Samir Handanovic. È un’applicazione assolutamente corretta della nuova regola sul fallo di mano, perché il tiro di Kwadwo Asamoah, non importa la distanza, finisce sul gomito di Franck Kessié. Non si può segnare una rete se c’è stato prima un tocco di braccio o di mano, quindi inevitabilmente in questo momento è fallo. Questa è una regola da cambiare, è proprio contraria allo spirito di gioco. Il pallone qui gli finiva sul petto, che senso ha fischiare un fallo di mano che non esiste, fondamentalmente? Finiva in un’altra parte del corpo, si è solamente protetto, un giocatore è giusto che si protegga».

VAR NERAZZURRO – Cesari poi si sposta su come i nerazzurri hanno sbloccato il derby Milan-Inter: «Sul gol annullato all’Inter bravissimo l’assistente Sergio Ranghetti, perché quando Danilo D’Ambrosio tenta la rovesciata è riuscito a vedere questa situazione. La spalla sinistra, probabilmente, di D’Ambrosio è più avanti del piede sinistro di Andrea Conti. Per me impossibile da vedere, bravissimo lui. Il gol dello 0-1? Ci sono due valutazioni differenti, quella dell’arbitro in campo Daniele Doveri e quella dell’assistente Alessandro Lo Cicero. Palla di Stefano Sensi a Marcelo Brozovic, tiro e deviazione che termina alle spalle di Gianluigi Donnarumma. L’arbitro col braccio destro indica il cerchio del campo, per lui il gol è valido, l’assistente invece alza la bandierina. Interviene il VAR e va a rivedere l’azione, è stata convalidata la rete perché Lautaro Martinez è stato considerato in fuorigioco ininfluente, geografico. Non disturba la parata di Donnarumma, non influenza altri giocatori, probabilmente in un’immagine schiacciata ha visto Lautaro Martinez molto più vicino al pallone».

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE