Mondo Inter

Cauet: “Coronavirus nostro avversario. Conte super, Sensi ed Eriksen…”

Intervistato in esclusiva da calcionews24.com, l’ex Inter Benoit Cauet ha parlato della situazione legata al Coronavirus, del periodo iniziale di Antonio Conte in nerazzurro e di quanto hanno mostrato fin qui Stefano Sensi e Christian Eriksen.

SITUAZIONE ANOMALA – Benoit Cauet ha parlato dell’impatto del Coronavirus sul mondo del calcio e sulle possibilità per finire questa stagione: «Credo che la cosa più importante sia che finisca questa situazione. La salute prima di tutto, dobbiamo pensare a risolvere questo che è la cosa più importante. Si potrà tornare a giocare e si vedrà come si può fare. Una soluzione può essere quella dei playoff, ma anche lì c’è bisogno che tutti siano d’accordo. Io credo che il campionato non dovrebbe essere assegnato. È una situazione estrema, completamente anomala, non ti permette di avere continuità, di essere valutato, di essere di fronte agli avversari. Ora l’avversario, però, è il virus».

GRANDE IMPATTO – Cauet ha poi anche commentato la partenza di Antonio Conte sulla panchina nerazzurra: «L’inizio di Conte all’Inter è più che positivo. Ha proseguito il lavoro di Spalletti, portando una mentalità che dovunque lo ha aiutato a vincere tanto. L’Inter gioca bene il suo calcio, ha dei concetti, è interessante vedere come riescono a trovarsi con questo modulo. Lui lo conosce a memoria e permette ai suoi giocatori di giocare allo stesso modo. Questa è un’ottima cosa per i nerazzurri che hanno fatto molto bene a prendere questo allenatore. Conte è un grande professionista e su questo punto di vista l’impatto è stato importante».

CENTROCAMPO – Da ex centrocampista, Cauet ha parlato anche di due importanti giocatori per il centrocampo nerazzurro: «Sensi è un giocatore che è arrivato dopo che si è fatto le ossa con squadre di livello inferiore, ma in cui era sempre stato il migliore. Sta dimostrando sia in nerazzurro che in Nazionale di essere di grande affidamento. Un giocatore che ha le capacità tecniche di poter veramente esplodere e diventare un grandissimo. Eriksen ha grandissime qualità tecniche ed una grande visione di gioco, sa servire benissimo i suoi compagni e su questo punto di vista darebbe una visione diversa di quello che è il gioco di Conte. Arrivare nel calcio italiano a gennaio è difficilissimo per un ragazzo che ha giocato tanti anni in Inghilterra, in maniera completamente diversa, con un’altra velocità e intensità. Ci sta trovare qualche difficoltà. A volte i grandi giocatori, in Italia, hanno fatto fatica all’inizio».

Fonte: calcionews24.com – Alessandro Villano

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.