Cattelan: “Spalletti come Mou e Mancini! Vorrei 2 interisti ospiti. Vecino…”

Articolo di
3 ottobre 2018, 13:03
Cattelan

Alessandro Cattelan è un conduttore televisivo brillante e divertente e il suo “E poi c’è Cattelan”, in onda su “Sky”, è un programma davvero molto apprezzato: lo showman però è anche un grande appassionato di calcio e tifosissimo dell’Inter, come ribadisce a più riprese nell’intervista rilasciata a Vincenzo D’Angelo sull’edizione odierna della “Gazzetta dello Sport”. Di seguito le sue dichiarazioni

Partiamo dall’Inter. Che aspettative ha per la stagione? «Beh, in campionato bisogna confermarsi tra le prime quattro: sei anni senza Champions sono stati un’agonia. Contro il Tottenham c’era un’atmosfera incredibile e il gol di Vecino all’ultimo secondo mi ha fatto toccare un picco emotivo irraggiungibile al pensiero umano. Ecco, in Europa mi accontenterei di passare il turno, visto il girone di ferro».

Da amico di Spalletti, gli chiederà di far giocare insieme Icardi e Lautaro Martinez? «Una bella coppia, in effetti. Entrambi con un bel taglio di capelli. Ma a Reggio Emilia abbiamo perso così e Spalletti l’altro giorno
ha spiegato bene che è fondamentale “l’equilibrio”. Luciano sa fare il suo lavoro e poi è entrato nello spirito giusto nella storia di società e tifoseria. Col petto in fuori, difendendo la squadra da tutto e da tutti. E storicamente l’Inter ha bisogno di allenatori di personalità, come lo sono stati Mourinho o Mancini. Al tifoso interista piace chi ci mette la faccia, meno chi cerca scuse o alibi».

Chi vorrebbe avere come ospite a Epcc dell’Inter? «Icardi e Nainggolan. Ma non posso ospitare troppi interisti perché mi accusano di abusare della mia fede. E in effetti forse in studio ho avuto più juventini nel corso degli anni. A proposito, mi piacerebbe moltissimo avere da me Cristiano Ronaldo. Ci ho provato subito appena lo ha preso la Juve ma non c’è stato verso, ma non demordo, ci riproverò. E poi vorrei avere Higuain, Hamsik, De Rossi. A proposito faccio un appello: “Dani ti prego, devi venire”. Amo De Rossi alla follia».

Un interista del passato che vorrebbe in trasmissione? «Mou e Ibra, sicuro. Però il mio idolo è sempre stato Berti. Lui è stato il Beckham prima di Beckham e quando giocavo provavo a copiare tutto, dal ciuffo alle movenze».

Il calcio e l’Inter però le hanno cambiato la vita: ha incontrato sua moglie Ludovica a San Siro. Ci racconta com’è andata? «Male. Cioè, la partita male. Era l’intervallo di un derby: avremmo potuto vincere lo scudetto vincendo un derby, una cosa epocale. Ma essendo l’Inter non potevamo mica festeggiare battendo il Milan, quindi abbiamo perso. Però dai, quel giorno nella vita… è andato bene».

(Fonte: Gazzetta dello Sport – Vincenzo D’Angelo)

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE