Mondo Inter

Castellacci: “Ufficio legale medici invia comunicativa a Spadafora e FIGC”

Castellacci, presidente di LAMICA (Libera Associazione Medici Italiani del Calcio), attacca Spadafora e la FIGC. In collegamento con “La Domenica Sportiva” su Rai 2 annuncia l’invio di una comunicazione al ministro e a Gravina e spiega perché.

COSÌ NOEnrico Castellacci non è soddisfatto: «Vedo molto ottimismo stasera sulle posizioni del ministro Vincenzo Spadafora. Io non riesco a essere così ottimista, cerco di essere realista: vedo ancora dei punti oscuri. Primo: i protocolli ancora non sono fatti, per cui è difficile che le società possano partire senza linee guida praticabili. Il problema della quarantena poi va discusso, perché se rimane il concetto di quarantena per tutta la squadra la Serie A potrà iniziare ma avrà grosse difficoltà a finire, suppongo. Terzo: vedo nella responsabilità dei medici una cosa paradossale, anche perché vorrei mandare sia al ministro sia a Gabriele Gravina (presidente della FIGC, ndr) una comunicazione del nostro ufficio legale».

ATTESA ECCESSIVA – Castellacci va all’attacco: «Queste linee guida sono trenta-quaranta giorni che aspettiamo diano le indicazioni ai club e ai medici, per sapere cosa fare. Al di là di questo se non ci sono dei protocolli chiari, che possano essere applicati, è tutta carta straccia. Bisogna chiarire alcuni punti chiave, come quello della responsabilità del medico sociale. Il ministro, pochi giorni fa, ha dato i suoi suggerimenti alla FIGC: uno sui tamponi, e siamo tutti d’accordo, uno sulla quarantena, e bisogna discuterne per non creare dei problemi molto rigidi a fine campionato, e sulla responsabilità. Mi domando perché il ministro Spadafora abbia posto l’esigenza di mettere un responsabile: esistono già i codici civili e penali. Dove ha trovato il responsabile? Nel medico sociale, cioè paradossalmente nella figura che a livello di FIGC è la meno istituzionalizzata, perché non ha contratto federale né la propria associazione presente al tavolo delle trattative».

REAZIONE NEGATIVA – Castellacci non capisce perché i protocolli non siano stati discussi: «La FIGC ha dato l’assenso a queste indicazioni senza colpo ferire, ha subito detto sì. Questo ci pone delle riflessioni un po’ più ampie: intanto il medico ha, nel suo DNA professionale, un senso di responsabilità e non c’è bisogno che ce le ricordino. Poi cosa facciamo, escludiamo le responsabilità dagli altri soggetti del mondo del calcio? Assunzione di responsabilità ma condivisa del rischio: è questo che noi chiediamo. Proprio per questo, domani mattina, il nostro ufficio legale, a nome di LAMICA, presenterà una comunicazione sia a Spadafora sia al presidente Gravina, e per conoscenza anche a Giovanni Malagò, il presidente del CONI».

DA CAMBIARE – Castellacci conclude: «Dovrà essere soltanto una comunicativa, per rendersi conto dell’assurdità di quanto portato avanti da questo punto di vista. Vuole essere un input alla riflessione: noi siamo collaborativi, vorrei solo che si rendessero conto delle assurdità. Sono indispensabili due cose: prima stabilire la data di inizio, perché gli allenamenti si programmano sapendo la data di inizio. Poi ci saranno tutti i problemi di tipo muscolare già visti in Bundesliga. Il calcio è uno sport di contatto, lo sappiamo, quindi è normale che ci si possa toccare e contrastare. L’importante è che i rischi siano calcolati, che la responsabilità sia condivisa e tutti sappiano cosa fare. Abbiamo già perso tanti giorni».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh