Cassano: “Spalletti? Persona che ha le palle! Inter molto meglio del Milan”

Articolo di
18 marzo 2019, 00:22
Antonio Cassano

Antonio Cassano è in collegamento da Roma per “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” su Canale 5 e, ovviamente, non le ha mandate a dire dopo il derby Milan-Inter. Queste le sue parole, con una lunga difesa di Luciano Spalletti che ha avuto come allenatore ai tempi della Roma.

DERBY VINTO BENEAntonio Cassano è contento per la vittoria nel derby: «Queste partite qua sono molto particolari: anche se sei in grande difficoltà puoi sempre venirne a capo perché si preparano da solo. Sono grandi partite che lo stimolo è talmente alto che ti viene facile preparare questo tipo di partite: l’Inter secondo me è più forte del Milan nei singoli e l’ha dimostrato anche stasera. La lite fra Franck Kessié e Lucas Biglia è rientrata? Sì, dopo dieci minuti-un quarto d’ora si entra nello spogliatoio, si fa un po’ a cazzotti e poi è finita là. Cazzotti metaforici? Qualche volta metaforici e qualche volta reali, però poi finisce».

IN DIFESA – Cassano poi si lancia contro i critici dell’allenatore: «L’Inter secondo me è molto più forte del Milan, l’unico problema grande è che io leggevo in questi giorni che stanno mettendo in croce Luciano Spalletti. Per quale motivo, spiegatemi? È terzo, lo stanno massacrando per quale motivo? Che allenatore meglio di Spalletti potrebbe arrivare all’Inter? Visto che tutti quanti dicono che va via. L’altro giorno ha giocato con i ragazzini, aveva un girone di ferro con il Tottenham e il Barcellona, cosa doveva fare? L’allenatore è top Spalletti, bisogna capire che per questa squadra è il migliore che ci può essere. Spalletti è una persona onesta, leale e diretta: se ti deve dire qualcosa non te lo manda a dire, delle volte ti può anche attaccare al muro. Questa è la realtà dei fatti: è una persona troppo perbene, è una persona che ha le palle sotto. A me piace molto Spalletti, quando dicono che deve cambiare progetto io non sono d’accordo, perché Spalletti sta facendo un grande lavoro all’Inter. OK, è andato fuori con i ragazzini l’altro giorno con l’Eintracht Francoforte, è andato fuori in Champions League col Tottenham che da cinque-sei anni è al top in Italia e con il Barcellona. Cosa dovrebbe fare? La squadra è buona, non al livello del Tottenham e del Barcellona».

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE