Capuano: “Inter deve sfoltire ma già in emergenza! Caos retto su 2 pilastri”

Articolo di
26 Settembre 2020, 00:38
Giovanni Capuano Giovanni Capuano
Condividi questo articolo

Capuano – giornalista di “Panorama” -, ospite negli studi di “Sportitalia Mercato” su Sportitalia, guarda il bicchiere mezzo vuoto nella strategia di mercato finora condotta dall’Inter. E l’osservazione sulla “pace” tra Marotta e Conte si basa su due punti

PARADOSSO NUMERICO – Gli esuberi nerazzurri non convincono appieno Giovanni Capuano: «All’Inter manca sfoltire e in modo razionale. Anche se è vero che è meraviglioso avere l’abbondanza, soprattutto a centrocampo, poi stona. E se va via Milan Skriniar manca un difensore. L’Inter ora ha una rosa molto profonda e di qualità, paradossalmente come la Juventus. Ma al debutto non c’è Stefan de Vrij (squalificato, ndr) né Skriniar, perché è sul mercato, quindi giocherà con una difesa nuova e sperimentale. Ed è paradossale essere già in “emergenza” al debutto! Non si può sbagliare questa ultima settimana di mercato. N’Golo Kanté? Antonio Conte ne ha talmente tanti in mezzo al campo: o ne escono due oppure non so come vorrà utilizzarlo».

DUE PILASTRI – Capuano commenta le ultime dichiarazioni giunte da casa Inter: «Dalla conferenza di Beppe Marotta e Conte abbiamo capito che il patto, stretto dopo il casino di quest’estate, ha retto grazie a due pilastri. Il primo è l’accettazione del fatto che non ci saranno grandi investimenti sul mercato e quindi il rallentamento del processo di crescita. E il secondo è che in 55 minuti non è stata nominata la parola “scudetto”, come richiesto da Conte. Manca solo una settimana alla fine del mercato. L’Inter è l’antagonista dichiarata dalla Juventus in questa stagione. Anche se non lo dice, lo fa capire. L’Inter ha creato una rosa più profonda in panchina e competitiva nei titolari rispetto all’anno scorso, quindi è chiaro che voglia farlo».



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE