Mondo Inter

Capello: “Lukaku dà una preoccupazione, come Ibrahimovic. Sanchez…”

Capello, collegato con “Calciomercato – L’Originale” su Sky Sport, ha parlato dell’importanza di Lukaku nell’Inter. L’ex allenatore ha paragonato il belga a Ibrahimovic e poi ha giustificato la scelta di mandare Sanchez dal dischetto con la Sampdoria.

UOMO CHIAVE – Per Fabio Capello i nerazzurri non possono prescindere da Romelu Lukaku: «Sicuramente è un giocatore fondamentale per l’Inter. In questo momento, poi, che l’Inter non va più a pressare in avanti come faceva nella prima parte di campionato, dove cominciava dal primo minuto e cercava di passare tutta la partita in attacco, si crea giustamente lo spazio. Lukaku, quando riceve palla, è come Zlatan Ibrahimovic: riesce a mantenerla e fa salire la squadra. Poi, se lo lasci in campo aperto, è un giocatore che non è marcabile per la velocità e la forza fisica. Oltretutto, oltre a essere generoso, è anche un uomo assist perché entra in tutte le azioni importanti».

IL PARAGONE – Capello ribadisce: «Quando gioca Lukaku, come quando gioca Ibrahimovic, ti preoccupi di marcarlo e c’è sempre un uomo in più che deve preoccuparsi di questo giocatore. Lo stesso che succede quando arriva in area di rigore Cristiano Ronaldo: quando ci sono questi giocatori creano preoccupazioni. Soprattutto, però, è molto bello quello che ha detto Antonio Conte: si è fatto ben volere, non si dà arie, è generoso e aiuta».

LA DECISIONE – Capello è certo sul perché a calciare il rigore con la Sampdoria sia stato Alexis Sanchez: «È una scelta sempre dalla parte dell’allenatore, che guarda e capisce chi è il più abile a calciare. Poi fa una lista: quando c’è Lukaku è lui, come secondo se ha tirato Sanchez penso l’abbia scelto l’allenatore. Non è che uno arriva in campo e dice che oggi lo tira lui, però lo score di Sanchez è molto negativo. Secondo me dovrebbe anche dire lui di non essere bravissimo e di non essere il caso».

INTER, COSA FARNE? – Capello chiude su Christian Eriksen: «Che sia un giocatore di qualità è indiscutibile, però bisogna vedere come vuole utilizzarlo l’allenatore. Lui rende molto in una certa posizione, fare la mezzala con una certa libertà. Non è uno che rientra molto, quando è stato messo indietro ho visto molte partite e non è che mi abbia impressionato. Però il centrocampista con libertà può farlo molto bene».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.