Mondo Inter

Calori: “Inter più esperta, occhio al 3-3-4 di Conte! E se parla con Icardi…”

Alessandro Calori – ex difensore dell’Udinese ed ex allenatore della Ternana -, ospite negli studi di “Aspettando Calciomercato” su Sportitalia, spende parole positive per la coppia Marotta-Conte e prova a inquadrare tatticamente la nuova Inter, che potrebbe anche ripartire da Icardi centravanti

BINOMIO VINCENTE – Mette la mano sul fuoco Alessandro Calori sulle capacità degli ultimi due ex bianconeri arrivati a Milano: «Sicuramente con l’arrivo di Beppe Marotta, all’Inter il binomio Marotta-Antonio Conte era una cosa fattibile: hanno già lavorato insieme per la rimessa in moto della Juventus! Conte è un ottimo allenatore e un gran lavoratore, come lo è Luciano Spalletti, che è stato mandato via ma ha fatto un gran lavoro: Conte dovrà completare quanto fatto da Spalletti e ne ha le capacità perché detta le sue regole, è molto decisivo, si fa influenzare poco e il fatto che ha accettato l’Inter “togliendo” la sua juventinità vuol dire che crede ciecamente in quello che va a fare a Milano. Quello di Conte non è un lavoro facilissimo: vincere il campionato e andare avanti alla Juventus, c’è da lavorare e tanto, ma la professionalità di questi due uomini (Conte e Marotta, ndr) può essere una buona garanzia».

DIFESA A TRE – Il pacchetto arretrato è il punto forte dell’Inter, Calori lo sottolinea come base di partenza: «Conte tatticamente ha le idee chiare, bisogna vedere che farà: sicuramente imposterà la difesa a tre, che già all’Inter è ottima a due con Stefan de Vrij e Milan Skriniar davanti a Samir Handanovic, figuriamoci con l’aggiunta di Diego Godin, quindi sarà importante trovare gli esterni capace di fare i quinti di centrocampo, gente di gamba come Federico Chiesa, che è tutto meno che un terzino e quindi perderebbe un po’ nella finalizzazione pur potendo fare la fase difensiva. Quello dell’Inter è un 3-5-2 che può diventare un 3-3-4 perché Conte è molto bravo a dare le linee guida: costruisce il suo modo di giocare lavorandoci quotidianamente in maniera anche maniacale, questo è il vantaggio che può avere e dare all’Inter».

CASO ICARDI – Calori consiglia di riconsiderare la situazione legata al futuro dell’ex capitano interista: «Quello che è successo a metà campionato con Mauro Icardi non è passato inosservato, né per Conte né soprattutto per la società, che ora lo deve risolvere e il messaggio è stato abbastanza chiaro, ma svalutare un capitale del genere non va bene: non lo puoi svendere, ha fatto una marea di gol all’Inter, per questo è tutto da vedere cosa succederà. Può darsi che Conte parli con Icardi e decida di puntarci… Sul mercato dell’Inter si parla di giocatori sopra i trent’anni, per vincere subito servono questi: Conte e la società vanno a scegliere quelli già pronti per fare il salto di qualità, come Edin Dzeko che, se lo sfrutti bene con una seconda punta vicino e i cross dall’esterno, può fare tanti gol, ma anche Icardi è bravo in area, quindi è una situazione che Conte può valutare bene. Dzeko lavora di più per la squadra e svaria, ma Spalletti rispetto a prima ha già migliorato Icardi, che però è più un finalizzatore: messi insieme devono fare un grande lavoro».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh