Mondo Inter

Calabrò: “Inter-Atalanta unico episodio clamoroso! Juventus, vorrei Sensi”

Calabrò – ex Coordinatore della Commissione di Studio Rischi del Calcio della FIGC e tifoso juventino -, ospite negli studi di “Monday Night” su Sportitalia, lancia un paio di frecciatine all’Inter, temuta nella lotta scudetto. Criticata la scelta di rinunciare al vice-Lukaku così come quella di offuscare il talento di Sensi con Eriksen

COMMISSO POCO CREDIBILE – Non rinuncia al suo spirito bianconero Piero Calabrò: «La polemica di Rocco Commisso? Non capisco la sua uscita sulla Juventus, anche se dicono ce l’abbia con tutto il sistema calcio italiano. In realtà ha fatto nomi e cognomi precisi, snocciolando dati specifici. Commisso ha preso di mira la Juventus, ma lo ha fatto per mascherare i suoi errori da quando ha preso in mano la Fiorentina. Non ci sono stati questi episodi clamorosi in Juventus-Fiorentina né nel resto della stagione in Serie A. L’unico episodio clamoroso di questo campionato è quello di Inter-Atalanta (il presunto rigore non fischiato per fallo di Lautaro Martinez in area, ndr). In quel caso nessuno ha sollevato polemiche simili. Tra l’altro, rivisto con altre tempistiche, si è potuto rivedere quell’episodio, ma al VAR devono decidere in fretta».

VICE-LUKAKU E SENSI – Poi Calabrò torna sull’argomento Inter, rinunciando alle polemiche: «Mi aspettavo un Romelu Lukaku simile? La forza di un giocatore si vede quando fa gol pur senza brillare. Lukaku è un animale sportivo, può giocare tutte le partite perché è abituato al campionato inglese in cui si gioca sempre. Ha un grande ritmo. Da tifoso avversario, a gennaio temevo l’acquisto di un grande attaccante da parte dell’Inter. Christian Eriksen è un giocatore fantastico, tutto ciò che si vuole, ma l’Inter ha già Stefano Sensi in quel ruolo. Anzi, così rischia di togliere spazio a un ragazzo che vorrei giocasse nella Juventus perché mi piace tantissimo. Sensi ha personalità, piedi buoni, sa segnare su punizione e ha segnato prue di testa quest’anno! Magari giocasse nella Juventus, che avrebbe bisogno di qualcosina in più a centrocampo. L’Inter ha grosso bisogno in attacco, per questo Antonio Conte voleva Edin Dzeko in estate e poi Olivier Giroud. L’avrei temuta di più con un’altra punta, ma la temo lo stesso».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.