Mondo Inter

Bucciantini: «Inter col lavoro di Conte, squadra che ora ha imparato»

Marco Bucciantini, ospite negli studi di “Sky Sport”, ha parlato della vittoria dell’Inter ottenuta ieri in casa del Torino che consolida il primo posto in classifica dei nerazzurri

COOPERATIVA DEL GOL – Bucciantini parla del rendimento della coppia d’attacco dell’Inter: «Davanti al portiere ci pensa l’allenatore, davanti al portiere avversario ci pensano i presidenti se ti comprano gli attaccanti. Mettere in campo due punte e trasformarle in una cooperativa è un grande merito dell’allenatore. Non a caso prima c’era Icardi che non faceva questo lavoro e Lautaro Martinez giocava pochissimo. C’è il lavoro di Conte. Vantaggi fuori dalle Coppe? L’ultima volta che l’Inter ha vinto, ha vinto tutto. Vincere crea forza. Quando cominci a pensare di aver problemi di giorni di riposo vuol dire che accetti un tuo limite, ma può essere un vantaggio»

IL GIOCO DELL’INTER – Bucciantini loda anche il gioco dell’Inter: «L’Inter è prima per gol e tiri in porta. E’ una squadra che crea ed è ultima nei dribbling. Arriva al tiro correndo, creando spazi, non può essere brutta una squadra così. E’ una squadra che arriva al tiro, c’è la semplicità del concetto di creare spazi ed andarci. Se loro ci riescono e sono ultimi nelle iniziative individuali, hanno giocatori di fascia che non vanno mai al dribbling ma cercano il lavoro in corsa. La partita contro l’Atalanta fu interpretata con realismo. L’Atalanta impose la sua forza, costrinse l’Inter a stare dietro, ma ora l’Inter sa vivere qualsiasi situazione. L’Inter 4 mesi fa non sapeva vivere tutte le partite, o veniva la sua partita o diminuiva. Adesso sa che a un certo punto si piega dal verso giusto»

ERIKSEN E SANCHEZ – Bucciantini parla degli ingressi di Eriksen e Sanchez che hanno sbloccato la partita di ieri contro il Torino: «Se il calcio d’angolo contro l’Atalanta va su Skriniar è perché Eriksen lo sa calciare. La posizione di Eriksen e Sanchez nel gol contro il Torino non è un caso, è indole. Loro hanno l’indole di stare lì e passare la palla rispetto a Gagliardini che è bravo, lo vorrei sempre avere. Sa stare in campo e rappresenta qualcosa nel calcio di Conte, ma Sanchez ed Eriksen sono lì per indole»

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.