Bucchioni: “Perišić, panchina come segnale. Spalletti imputato”

Articolo di
4 febbraio 2018, 23:38
Enzo Bucchioni

Intervenuto nel corso di “Microfono Aperto” su “Radio Sportiva”, il giornalista Enzo Bucchioni ha commentato il momento nerissimo dell’Inter e ha diviso le responsabilità tra giocatori e allenatore. Anche Luciano Spalletti avrebbe delle colpe, per esempio nell’aver proseguito sul 4-2-3-1 e nell’aver sempre tenuto in campo Ivan Perišić, fra i peggiori in campo nell’ultimo mese.

CAMBI NECESSARI«L’inizio delle difficoltà dell’Inter? Quando sono cominciati a calare giocatori importanti, penso a Ivan Perišić che è sparito dal campo, ma anche lo stesso Borja Valero che non è più un ragazzino e non si poteva pensare che facesse un campionato straordinario come le prime quindici-sedici partite. Queste sono problemi su cui Luciano Spalletti doveva confrontarsi, ma anche la solitudine di Mauro Icardi. Quando un attaccante non gioca fuori area e dentro la palla non arriva posso pensare di fare un 4-4-2 o 4-4-1-1 mettendo dentro Éder Citadin Martins e un centrocampo più robusto, ma posso pensare anche di giocare con João Cancelo esterno alto quando Antonio Candreva non riesce a saltare l’uomo o fa cross che non servono a nulla. João Cancelo è uno dei giocatori più in forma delle ultime uscite, magari esterno basso non difende benissimo e lo provo a mettere esterno alto dove è sicuramente più utile. Quest’immobilismo e questo incartarsi intorno a un modulo quando non hai gli uomini giusti è sicuramente da addebitarsi all’allenatore. Perišić non l’ha mai cambiato, è uno dei tre giocatori con un minutaggio full da inizio stagione, qualche dubbio ce l’ho. È vero che ha fatto tanto Spalletti per non farlo andare via ma questo non deve legarti mani e piedi, se non sta bene deve andare in panchina anche per un segnale. Un allenatore bravissimo, come io reputo Spalletti, di grandissima personalità questo accettare gli eventi non mi è piaciuto. Vediamo se Rafinha Alcântara sarà il giocatore che porta un po’ di energie e linfa a centrocampo, in questo momento delicato per me anche l’allenatore sul banco degli imputati».







ALTRE NOTIZIE