Branchini: “Il mercato non sparirà, so di un giocatore sopra i 100 milioni”

Articolo di
9 Aprile 2020, 13:39
Branchini
Condividi questo articolo

Giovanni Branchini, agente FIFA, ha concesso un’intervista in collegamento con Sky Sport in cui ha parlato di come il mondo del calcio affronterà la crisi dell’emergenza sanitaria in atto e può leggersi un probabile riferimento a Lautaro Martinez

SERVE DISPONIBILITA’ – Branchini parla di come il mondo del calcio deve affrontare la crisi: «Noi lo viviamo interfacciandoci con società e giocatori. Ci sono decisioni da prendere e i calciatori si confrontano con persone di loro fiducia. Noi procuratori veniamo chiamati solo quando fa comodo o per giustificare malfunzionamenti, ma dobbiamo essere coinvolti perché i nostri assistiti si confrontano con noi. La nostra opinione l’abbiamo espressa ieri in una pec inviata a tutti i responsabili dicendo che ribadiamo un concetto chiaro dall’inizio, noi come calciatori e agenti siamo disponibili e consapevoli che ci sarà bisogno di collaborare dal punto di vista economico e non solo. In teoria non dovrebbe essere richiesto di continuare dopo il 30 giugno a chi termina il suo rapporto contrattuale, ma si troverà una soluzione. Sicuramente i calciatori avranno a cuore il sistema più di certi presidenti che dicono di giocare o meno in base ai loro interessi di classifica. Non abbiamo visto decisioni prese nell’interesse comune, è identificabile chi sostiene una tesi per interesse del proprio club, sicuramente i calciatori avranno un’altra sensibilità».

IL MERCATO LUNGO – Si parla di un mercato allungato: «Io credo che il mercato sia come sempre una componente del calcio e in questo caso la flessibilità è indispensabile. Mi sarei aspettato uno sforzo dei dirigenti nei confronti dei legislatori perché capiscano che un’azienda importante come il calcio, per la sua particolare natura, vive un contraccolpo inatteso a cui non era preparata e ha bisogno di mezzi diversi di quelli mezzi a disposizione. Penso sia logico dare alle società la possibilità di superare questo momento. In questo si inserisce la possibilità di dilatare le date del mercato, nella migliore delle ipotesi questa stagione si accavallerà alla prossima quindi non è sbagliato pensare a un mercato diverso. Procuratori a allenatori sono contrari al mercato lungo perché sanno che serve solo ai media e non al calcio giocato, ma in questo caso penso sia un atto dovuto».

CHE MERCATO SARA’ – Sarà un mercato diverso, ma non spariranno i grandi colpi e nelle parole di Branchini può esserci un riferimento a Lautaro Martinez?: «Mi immagino un mercato in cui nessuno svenderà in un momento in cui ci sarà una contrazione del potere d’acquisto. Non è un discorso assoluto, io sono a conoscenza di trattative con alcuni giocatori con clausola, uno sopra i 100 milioni e l’altro sopra i 50, trattative avanzate. Non sparirà il mercato, ci sarà uno scambio di giocatori importanti, di alto livello, perché può aiutare il bilancio delle squadre».

RONALDO IL FENOMENO – Branchini fu tra quelli che aiutarono Massimo Moratti a portare Ronaldo all’Inter: «Credo che Ronaldo abbia segnato una pagina importante nella storia del calcio mondiale, al di là egli anni ’90. Mi fa piacere sottolineare che ogni volta che si legge un commento di giocatori del suo periodo o successivi, ex compagni o avversari, dicono che è il più forte mai incontrato. Moltissimi giovani che non l’hanno mai visto dicono che si sono ispirati a lui, è stato qualcosa di unico».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE