Borja Valero: “Brozovic top in A con uno del Napoli. A Esposito dico che…”

Articolo di
23 Marzo 2020, 18:24
Borja Valero Fiorentina-Inter
Condividi questo articolo

Borja Valero ha parlato di tutto e di più nell’intervista da casa per la campagna #TogetherAsATeam, che l’Inter porta avanti in tempi di Coronavirus. Ecco la seconda e ultima parte di quanto raccolto da Inter-News.it durante l’#AskBorjaValero odierno

UOMO SPOGLIATOIO – Prima una tiratina d’orecchie al talento casalingo, poi Borja Valero indica i due colleghi “italiani” di centrocampo più stimati: «Sebastiano Esposito è un grandissimo giocatore che sta crescendo tantissimo. Ovviamente, vista l’età che ha, quello che deve e può fare magari è vedersi riflesso nei giocatori più esperti che ha in squadra e imparare tantissimo da loro. Io ce l’ho vicino nello spogliatoio e provo a fargli capire sempre l’importanza di essere professionista tanto dentro quanto fuori dal campo. Questa è una cosa che deve imparare ora, perché sbagliare a questa età non ti fa raggiungere il livello che puoi avere. Ed Esposito può avere un livello veramente importante e sarebbe veramente un peccato non arrivarci. I miei centrocampisti preferiti della Serie A attuale? Dell’Inter direi Marcelo Brozovic, che è un giocatore incredibile, e sta raggiungendo veramente livelli davvero importanti. E se devo dire uno che non è dell’Inter, dico Piotr Zielinski del Napoli, che è un giocatore importante e farà la differenza nel calcio nei prossimi anni».

ANIMO SPORTIVO – Non esiste solo il calcio per Borja Valero: «Mi piacciono praticamente tutti i tipi di sport. Tutti quelli che si possono praticare, io ci provo! Da vedere mi piacciono moltissimo il basket e il football americano, che seguo tantissimo dalla TV. Seguo anche il tennis, ma non è lo sport che seguo di più, però mi piace giocarlo, soprattutto d’estate. Il mio tennista preferito? Non posso non dire Rafa Nadal, che per noi spagnoli è un esempio, non solo come giocatore ma anche come persona, perché è incredibile. Passo molto tempo a giocare, ho anche inventato il calcio-tennis nel mio letto, in cui la palla va da una parte all’altra e vince chi non riesce a farla cadere, ovviamente! Di solito vinco io, perché non mi piace mai perdere, però ogni tanto provo a far vincere anche i miei bambini (sorride, ndr)».

Clicca qui per leggere le dichiarazioni di Borja Valero nella prima parte della sua intervista da casa

ALTRE PASSIONI – Anzi, non solo sport per Borja Valero, che intanto dal punto di vista estetico ritorna alle origini: «La barba viene e va, è una cosa che dipende un po’ anche dallo stato d’animo. Qualche giorno fa l’ho tagliata tutta così, ma sicuramente verrà di nuovo, è possibile! Da qualche anno andare a camminare in montagna è diventata una delle cose che mi piace più in assoluto. Andare in montagna con la mia famiglia e il cane a fare una passeggiata è uno dei momenti più belli per togliere un po’ la routine della città e vivere momenti unici. Mi piace tantissimo leggere. Sto leggendo una serie di libri di Jo Nesbo che si chiama “Il Pettirosso”. Sono al terzo libro, saranno sei-sette dello stesso personaggio, e mi sta piacendo un sacco. Lo consiglio veramente alla gente! Mi piacciono tantissimo diversi tipi di musica, ma in particolare il rock internazionale e i classici. Spero con gioia, il più presto possibile, di andare a vedere un concerto».

RESTIAMO A CASA – L’ultimo pensiero espresso da Borja Valero è ovviamente legato al periodo di “reclusione” forzata causa Coronavirus, per fortuna alleviata dal contesto cittadino: «Mi trovo benissimo a Milano ed è facile trovarsi bene qui perché è una delle città più belle d’Europa, quindi è facile adattarsi. Le persone si vedono nel momento di difficoltà, è lì che li vedi davvero. Qui adesso si sta vedendo questa cosa. La gente si sta unendo per andare tutti nella stessa direzione. Io lo sto vedendo qui, vicino a casa mia. Alle 9 le persone escono, cantano canzoni e si danno coraggio a vicenda per passare le giornate al meglio, per avere sempre speranze e forza per arrivare a quel momento che speriamo arrivi prima possibile. Speriamo arrivi presto! La cosa più importante in questo momento, visto che purtroppo non possiamo parlare di calcio, mi porta a dire alla gente di rimanere a casa, che fa la differenza assolutamente. Come dimostrato dai cinesi che sono arrivati qui in Italia dopo averlo vissuto lì prima di noi. E che la gente faccia il favore di rimanere a casa, così possiamo uscire prima possibile e fare la vita che avevamo prima».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE