Borghi: “Inter momento perfetto. Lukaku grande uomo. Godin e Bastoni…”

Articolo di
22 Dicembre 2019, 15:37
Stefano Borghi Stefano Borghi
Condividi questo articolo

L’avvio di campionato dell’Inter rasenta la perfezione, culminata nel 4-0 inflitto ieri al Genoa. Questo il commento di Stefano Borghi sull’Inter 2019/20, trascinata da Lukaku, e alla scoperta di un ottimo Bastoni, che sta colmando la lentezza di adattamento di Diego Godin. Ecco le sue dichiarazioni attraverso il suo canale YouTube.

MOMENTO PERFETTO – L’Inter di Antonio Conte non poteva partire meglio, secondo Stefano Borghi: «È tutto praticamente perfetto, quello che è accaduto all’Inter in campionato. In queste prime 17 partite ha fatto 42 punti: tredici vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta, quella in casa contro la Juventus. In trasferta ne ha raccolti 22 su 24 disponibili. Ha la miglior difesa del campionato, con 14 reti subite, e il terzo migliore attacco. Numeri che incorniciano un rendimento smagliante per la squadra di Antonio Conte».

LUKAKU UOMO VERO – Parlando di Inter-Genoa, impossibile non elogiare la prestazione di Romelu Lukaku. L’opinione di Borghi: «L’uomo partita contro il Genoa è stato Romelu Lukaku. Ci si aspettava Lukaku come trascinatore e protagonista dopo tre partite in cui aveva sbagliato qualche gol di troppo: bene, Lukaku contro i rossoblu è stato incontenibile. Ha fatto un assist,ha segnato due reti, ha fatto anche bellissimo gesto di cedere il calcio di rigore a Sebastiano Esposito. È stato il gesto di un uomo vero, di un grande uomo. Lukaku se ne va alla pausa natalizia avendo segnato 12 gol. Direi che il rendimento è indiscutibile, così come il fatto che abbia formato con Lautaro Martinez una coppia da sogno».

RINCALZI IMPORTANTI – Borghi ha poi elogiato la professionalità di giocatori come Borja Valero, Roberto Gagliardini e Antonio Candreva. Considerati mere riserve ad inizio anno, si sono rimessi in gioco, contribuendo ai successi dell’Inter: «Quando questi giocatori danno questo tipo di messaggio, riescono a ritrovarsi, a recuperarsi, ad alzare il proprio livello, vuol dire che il gruppo è estremamente sano. Vuol dire che la squadra funziona, segue l’allenatore, e i risultati sono lì a dimostrarlo».

GODIN SCENDE, BASTONI SALE – Infine, un piccolo appunto su Diego Godin. Borghi riconosce la disattesa delle premesse dell’ex Atletico Madrid, compensata però dall’esplosione di Alessandro Bastoni: «Forse l’unico neo di questa prima parte di stagione dell’inter è stato Godin. È una delusione, non ce lo si può nascondere, però una delusione portata da una serie di contingenze che era molto difficile prevedere diverse. E comunque, per un Godin che non rende, c’è un Bastoni che ci sta facendo vedere di essere un difensore con la pasta per diventare un elemento di ottime prospettive».

 




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.