Mondo Inter

Bonolis: «Eriksen danzatore, spesso è uno in meno. Inter-Juventus, 50 e 50»

Bonolis – conduttore televisivo e tifoso interista -, intervenuto sulle frequenze di Radio Nerazzurra, parla della vigilia di Inter-Juventus e ammette di aspettare sorprese più da Pirlo che da Conte. Su Eriksen il pensiero probabilmente è in contrasto con tutti gli altri interisti. A fine articolo è accessibile il contenuto audio dell’intervista a Bonolis

SFIDA ALLA PARI – Così come per Tommaso Berni (vedi intervista), anche per Paolo Bonolis non ci sono favoriti: «Direi 50% e 50%. Dipende da come si svilupperanno le partite, è ovvio. Nel calcio sono talmente tante le variabili. Dalla condizione fisica dei giocatori, dall’impegno messo in campo, dall’arbitro e dalle circostanze fortuite. Sono tante cose per cui, considerato il valore di entrambe le squadre, direi 50-50. All’andata non avremo Romelu Lukaku e Achraf Hakimi. Sono comunque due squadre che sono approdate alle semifinali con merito. E sicuramente il percorso della Juventus è stato un po’ semplificato dalle circostanze delle qualificazioni delle altre partite. Il nostro più complesso. Ma la Juventus ha anche altri impegni oltre alla Coppa Italia e al campionato. Ha anche la Champions League. Quindi è tutto da vedere, ma sarà una bella sfida».

UN’ALTRA JUVENTUS – Bonolis “spera” di vedere una Juventus diversa rispetto all’ultima schierata contro l’Inter da Andrea Pirlo: «Beh, può sembrare assurdo però che lo dica, ma me lo auguro per lui. Perché, insomma, all’andata, onestamente, mi è sembrato non ci sia stata partita. Evidentemente avrà capito delle cose. Non dimentichiamo che è la sua prima stagione da allenatore con degli obiettivi importanti che tendenzialmente a un neofita non è che vengano dati. Quindi sta sostenendo anche un peso di responsabilità importante. Avrà dei rientri importanti che sono i due esterni di fascia, Juan Cuadrado e Alex Sandro. Quindi avrà un’altra squadra a disposizione per tamponare quelle che gli saranno apparse come falle nella partita di campionato».

N.10 NON CONTIANO – Per Bonolis non è detto che Christian Eriksen debba giocare titolare domani: «Beh, difficile perché queste son cose che valuta l’allenatore. Eriksen è un giocatore che ha indubbiamente delle grosse qualità tecniche e di visione di gioco. Al contempo ha un’indole in campo che è diversa da quello che chiede Antonio Conte. Diciamo che il trequartista di Conte è uno più tipo Alejandro “Papu” Gomez, più tipo Henrikh Mkhitaryan. Eriksen non ha questa propensione al recupero del pallone e all’impatto fisico nel contrasto. È più un eccelso danzatore. Perché sai quando si è in possesso palla è un conto, ma quando il possesso palla è dell’avversario è un giocatore, generalmente, in meno. Io lo vedo sempre seguire l’avversario con la palla ma difficilmente mette il piede. Difficilmente entra, ma non è proprio nella sua indole. Credo che questo lo abbia penalizzato agli occhi di Conte, perché poi indiscutibilmente il giocatore il gioco lo vede e ha piedi eccellenti. Su questo è indubbio. Però questo aspetto del suo comportamento in campo per Conte è una asticella che o deve superare il giocatore o superare psicologicamente l’allenatore».

Ascolta “Sensazioni & Speranze: Inter – Juventus Coppa Italia 20/21 – Paolo Bonolis” su Spreaker.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh