Biasin: “Eriksen non male ma gioca solo nel deserto! Inter in questa fase…”

Articolo di
23 Luglio 2020, 10:58
Fabrizio Biasin Fabrizio Biasin
Condividi questo articolo

Biasin – giornalista di “Libero” e tifoso interista -, ospite negli studi di “Pressing Serie A” su Italia 1, commenta il pareggio senza reti di Inter-Fiorentina. Parole di elogio solo per Eriksen e Barella, nel mirino praticamente tutti gli altri

ATTEGGIAMENTO MOLLE – L’osservazione di Fabrizio Biasin riguarda più la testa dei giocatori che il fisico: «All’Inter è mancata un po’ di determinazione in più. OK che il campionato ormai è finito e piuttosto definito, lo scudetto assegnato e la stanchezza, ma se hai fame la porti a casa. L’Inter ha creato tanto nel primo tempo e si è un po’ addormentata nel secondo tempo, come spesso accaduto quest’anno. Non ha la convinzione per portare a termine le partite e, se punti a vincere, non puoi avere questo atteggiamento. Christian Eriksen non ha giocato male. Ha bisogno di un contorno all’altezza, ma spesso gli capita di giocare da solo nel deserto. Ho visto Nicolò Barella giocare a un livello di intensità alto, come piace ad Antonio Conte, e qualcun altro un po’ meno…».

BOMBER ASSENTI – Per Biasin il problema dell’Inter nel finale di stagione è da ricondurre all’attacco: «L’Inter nella prima fase della stagione aveva Romelu Lukaku o Lautaro Martinez che decidevano le partite, oltre a Stefano Sensi che permetteva di variare a centrocampo. Sensi non c’è più da mesi. Ora Lautaro Martinez è praticamente scomparso, non si sa se per motivi fisici o di mercato, ma di fatto non c’è. E c’è un ritrovato Alexis Sanchez dopo mesi. In questo momento però all’Inter manca quella coppia fenomenale che decideva le partite. Capisco Conte, ma dopo dieci anni di insuccessi anche il secondo posto ti può aiutare a fare dei passi in avanti, oltre ai 10 milioni di euro in più che si ottengono…».

POLEMICHE ARBITRALI – Biasin non concorda con il collega Sandro Sabatini (in studio al suo fianco, ndr – vedi dichiarazioni) sull’importanza dei singoli episodi: «Non si può dire che gli episodi non condizionano i risultati. Si può vincere anche senza meritare se c’è un episodio che va dato. Il pareggio è il risultato più giusto per quanto visto in campo durante Inter-Fiorentina, ma su Barella è rigore ed è un chiaro evidente errore dell’arbitro. La Fiorentina non ha rubato assolutamente nulla, ma l’Inter è stata sfavorita questa volta, l’altra volta (Roma-Inter, ndr) e in altre occasioni. Bisogna cambiare il protocollo per far intervenire il VAR dicendo che non è una chiaro errore».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE