Bergomi: “Prima ero abbastanza critico, ora l’Inter bene! Hakimi…”

Articolo di
7 Dicembre 2020, 00:10
Giuseppe Bergomi Giuseppe Bergomi
Condividi questo articolo

Bergomi si “tranquillizza” sull’Inter, ammettendo di essere stato molto critico sui nerazzurri in questo inizio di stagione. L’ex capitano nerazzurro, nel corso di “Sky Calcio Club”, ha poi parlato di Hakimi ossia il grande protagonista della partita contro il Bologna.

CRESCITAGiuseppe Bergomi ora è soddisfatto: «L’Inter fa le cose semplici, giuste. Secondo me è tornata a essere squadra, sull’onda dell’anno scorso col 3-5-2, sfruttando le fasce, la forza fisica e l’organizzazione. Rispetto alle prime partite, dove voleva creare gioco e pressava sempre alto, adesso si è creata lo spazio per andare in contropiede. Mentre prima ero abbastanza critico adesso è tornata a fare l’Inter. Il merito lo do ad Antonio Conte, perché è riuscita a ricompattarla. Non giocava da squadra: è stata una vittoria che mi aspetto con le squadre che arrivano a San Siro tipo il Bologna, come doveva essere contro Fiorentina e Torino. Lì è andata sempre sull’emotività di una rimonta e c’è riuscita, invece qui è stata sempre in vantaggio. Il Bologna è una squadra che vuole giocare sempre a calcio e crea problematiche, ma alla fine le grandi squadre riescono a vincere».

IL GIRONE – Bergomi invece non vuole fare pronostici su cosa succederà mercoledì in Champions League: «È difficilissimo. Il Real Madrid batte due volte l’Inter e poi perde con lo Shakhtar Donetsk. Ieri (sabato pomeriggio, ndr) ha vinto 0-1 col Siviglia, non ha preso gol».

IL PROTAGONISTA – Bergomi parla del goleador di Inter-Bologna: «Achraf Hakimi secondo me è un giocatore dalle grandi potenzialità. Quando uno ha un’attitudine come la velocità, nel calcio, va sempre bene. Conte lo sta gestendo bene: giochi col Sassuolo e c’è Jérémie Boga, giochi col Borussia Monchengladbach e c’è Marcus Thuram ed è più funzionale Matteo Darmian. Hakimi, se lo costringi a stare là e fare degli uno contro uno contro questi giocatori, non dà quel contributo. Gioca col Bologna con Aaron Hickey allora va messo lui, che lo fa a fette e taglia: non ha grandi compiti difensivi, deve pensare ad attaccare. Non so se contro lo Shakhtar Donetsk, che gioca Taison o un brasiliano di tecnica, giochi Hakimi: magari sì, ma la gestione è questa. Quando imparerà a difendere nell’uno contro uno diventerà un titolare fisso».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.