Mondo Inter

Bergomi: «Inter, manca anima e 2 assenze pesano. Confusione Skriniar!»

Beppe Bergomi ha parlato dei problemi dell’Inter. Ai nerazzurri, secondo lo ‘Zio’, manca l’anima e l’entusiasmo di un tempo. Serve uno sprono di tutti. Poi su Skriniar non ha dubbi. Le sue parole a Tuttosport

ANIMABergomi illustra il problema dell’Inter: «Punterei molto sul senso d’identità e appartenenza, sul Dna nerazzurro. Va ritrovata l’anima. Da capitano cercherei di essere ancora di più d’esempio, dicendo a tutti: “Ragazzi, va bene la preparazione fisica, ma ognuno deve fare qualcosa in più”. Bisogna ritrovare la voglia di rifiutare la sconfitta e va fatto attraverso un lavoro specifico. E poi chiederei un aiuto alla gente. Il tifoso nerazzurro deve ritrovare l’entusiasmo che ha avuto negli ultimi tre anni, ma nelle scorse settimane sento che si sta un po’ perdendo, si cominciano a sentire i mugugni di un tempo. Ecco, con tutte queste componenti al posto giusto, l’Inter può venirne fuori».

ASPETTO PREOCCUPANTE − Insiste Bergomi: «Torno alla risposta precedente: mi sembra che manchino identità ed entusiasmo. Se non li hai dentro, tutto diventa difficile. Va ritrovata la voglia di creare un gruppo, di lottare su ogni pallone, di non allargare le braccia, di avere pazienza, di aiutare la linea difensiva. Non vedo queste cose e mi sono chiesto perché stia succedendo tutto ciò».

RISPOSTABergomi non convinto di certi atteggiamenti: «Magari dopo tre anni sono stanchi di fare le stesse cose, oppure hanno perso uno scudetto che sentivano proprio e fanno fatica a ripartire. Quando vedo certi atteggiamenti in determinati giocatori sono preoccupato. Perché se sei un leader dello spogliatoio, uno dei più rappresentativi, e questi gesti li fai tu, allora capisci che qualcosa non funziona. Io per esempio non attaccherò mai un Gagliardini. Poi ovviamente lo so bene anche io che l’assenza di Lukaku sta pesando, che non c’è più un giocatore come Perisic che dava imprevedibilità. L’Inter è fra le ultime squadre in Serie A per dribbling tentati, non ha giocatori che saltano l’uomo, ma questi difetti, in parte, li aveva anche nelle stagioni scorse, ma sopperiva con la cattiveria agonistica, l’attenzione, la voglia di andare a fare risultato».

RIVALITÀBergomi indica anche un’altra componente: «Può essere perché la rivalità con il Milan si è acuita molto e magari se la sentono dentro, questa sconfitta. Anche ai tempi quando vedevamo che dall’altra parte le cose andavano bene, un po’ di fatica la facevamo. A quel punto o reagivi, come successo con lo scudetto del Milan di Sacchi nel 1988 e la nostra risposta la stagione successiva, oppure come oggi rischiavi di rimanere in balia e deprimerti».

ASSENZEBergomi individua due giocatori mancanti: «In estate ho pensato: l’Inter senza Perisic perde molto, perché in Europa un giocatore come lui non c’è, un attaccante che gioca tutta fascia, che fa assist e 7-8 gol. Però dall’altra parte con Lukaku, l’Inter ritrova in rosa un giocatore che l’anno scorso non aveva, che dà profondità, fisicità e leadership. Dunque aspetterei ancora a tirare le somme. Anche perché avere o meno Lukaku cambia molto, la squadra avversaria non può permettersi di lasciare un difensore uno contro uno con il belga. Detto questo, aggiungerei però una cosa. Non possiamo dire: “Ora rientra Lukaku e risolviamo i problemi”. Io magie non ne ho mai viste, per raggiungere un obiettivo, bisogna fare una tremenda fatica».

CAMBIO GIOCO − Così ‘Lo Zio‘ su un ipotetico rinnovamento di modulo: «Io ricordo la Lazio di Inzaghi, non è che facesse un pressing super offensivo. La Lazio si abbassava e c’era Immobile che dava la profondità che ora può dare Lukaku. Non è Dzeko, non è abile come lui a dialogare, però ci si può appoggiare a Lukaku. Con lo Spezia sono andati in quattro sul belga e si sono aperti spazi per i compagni».

BARICENTRO − Così Bergomi alla domanda sul processo alla Conte 2: «Può darsi, però nell’abbassarti non devi essere passivo, altrimenti meglio rimanere alti perché i giocatori offensivi devono rientrare, sacrificarsi e gli attaccanti, si sa, preferiscono correre in avanti. L’Inter ha pure due centrocampisti offensivi come Calhanoglu e Barella a cui piace andare avanti, fare assist e inserirsi. Per fare una fase difensiva attenta serve pazienza, si può fare, ma si torna al punto iniziale: bisogna ritrovare entusiasmo».

ROTAZIONIBergomi sui continui cambi di giocatore: «L’ho sempre pensato anche io, però questo campionato è particolare, ci sono tante partite ravvicinate e c’è bisogno di avere giocatori pronti, quindi tenerli tutti sulla corda e motivati è fondamentale. Darei però più continuità a Gosens, ma pure il tedesco deve metterci del suo perché mi sembra molto intimidito».

INFLUENZABergomi si espone su Skriniar e le voci di mercato: «Penso di sì, perché spesso noi ragioniamo con la testa da grandi, ma parliamo di ragazzi giovani. L’Inter ha una proprietà che è in difficoltà, non lo dico io, e ogni anno questi ragazzi sono sballottati, dunque ci sta che nella testa di Skriniar possa esserci un po’ di confusione. Però è forte, è un ragazzo d’oro e spero torni presto ai suoi livelli».

DISCORSO − Secondo Bergomi, è Inzaghi che dovrà parlare alla squadra: «No, quello è un compito del tecnico, deve essere lui a spiegare le sue scelte ai giocatori, rimproverarli e motivarli a dare di più. Il tempo c’è, perché gli alti e i bassi li avranno tutte le squadre e la stessa Inter l’anno scorso cambiò passo fra novembre e dicembre, quando mostrò un calcio impressionante. L’Inter era ingiocabile, non prendeva mai contropiede e restava con otto giocatori sopra la linea del pallone. Ma per svoltare, deve deve esserci uno scatto mentale».

Fonte: Tuttosport − Federico Masini

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

Abbiamo notato che sta usando un AdBlocker. INTER-NEWS.IT sostiene spese ingenti di personale, infrastrutture tecnologiche e altro e disabilitando la pubblicità ci impedisci di guadagnare il necessario per continuare a tenerti aggiornato con le notizie sull\'Inter. Per favore inserisici il nostro sito nella tua lista di esclusione del tuo AdBlocker.

Grazie.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock