Bergomi: “Eriksen non adatto alla Serie A. Inter, a gennaio…”

Articolo di
16 Novembre 2020, 19:42
Giuseppe Bergomi Giuseppe Bergomi
Condividi questo articolo

Beppe Bergomi, ex difensore dell’Inter e ora commentatore televisivo, è intervenuto a “Tutto Mercato Web Radio”. Si è inevitabilmente parlato del rendimento di Eriksen e dell’Inter di Conte.

ERIKSEN – Beppe Bergomi ha prima parlato di Christian Eriksen: «Quanti hanno visto giocare la Danimarca, e che prestazione ha fatto? Quanti gol ha segnato, e con quanti rigori? Non vedendo le prestazioni non posso giudicare. Non voglio accanirmi, sono stato il primo a dire determinate cose e me ne hanno dette di tutti i colori, ma il punto è che il nostro calcio è molto diverso da quello inglese, ti lascia pochi spazi e vanno per la maggiore giocatori di gamba, di strappo, di inserimento. Lui secondo me non è adatto alla Serie A. Io non sono mai stato un estimatore di Eriksen: guardando il Tottenham avrei preso subito Kane o Son, mentre su altri avrei faticato di più. C’è stata un’opportunità di mercato che però ha finito per mettere in difficoltà l’allenatore. Un’opportunità che è venuta anche a costare nel complesso: Eriksen ha qualità anche importanti, dico che non è capitato in una situazione favorevole».

MERCATO – Bergomi ha poi parlato delle eventuali mosse di mercato a gennaio dell’Inter: «Se Kolarov fa il centrale manca un altro esterno di piede mancino. Con Sanchez che ha problemi fisici, a questa squadra servono giocatori di gamba, e se devo prendere un attaccante vado a prenderlo veloce. Uno alla Gervinho, visto che quest’anno sembrano sfruttare di più le ripartenze. La linea difensiva non è molto veloce, e l’Inter dovrebbe rimanere più bassa. Comunque c’è tempo per sistemare le cose: dovessi scegliere, prenderei un attaccante veloce».

CAMBIAMENTI – Bergomi ha chiuso parlando del nuovo modo di giocare dei nerazzurri: «Conte mi ha detto che gioca con due punte, due esterni molto offensivi, cerca di metter dentro anche un trequartista e a quel punto vuole dominare la partita. Per poterlo fare, però, ci vogliono qualità tecniche che secondo me oggi non ci sono, la squadra è più muscolare che altro. Non a caso l’Inter ha fatto più punti fuori casa, e i pareggi con Lazio e Atalanta, entrambi da situazione di vantaggio, erano da portare a casa».

Fonte: tmwradio.com

 



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




<!--//<![CDATA[ var m3_u = (location.protocol=='https:'?'https://servedby.publy.net/ajs.php':'http://servedby.publy.net/ajs.php'); var m3_r = Math.floor(Math.random()*99999999999); if (!document.MAX_used) document.MAX_used = ','; document.write (""); //]]>-->

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.