Bagnulo: “Inter, Godin uno dei top-5 difensori al mondo! Un anno magico”

Articolo di
4 Gennaio 2019, 23:24
Condividi questo articolo

La notizia di serata sull’Inter è l’annuncio di Gianluca Di Marzio dell’arrivo di Diego Godin a parametro zero per la prossima stagione (vedi articolo). Il giornalista di Sky Sport Gianluigi Bagnulo, intervenuto nel corso di “Calciomercato – L’Originale”, ha tracciato un profilo del difensore in scadenza di contratto con l’Atlético Madrid.

FRA I PIÙ FORTI«Parliamo di quello che è stato Diego Godin e poi di quello che è oggi. Quello che è stato si racconta nell’anno 2014: è l’anno magico di Godin, è l’anno in cui vince la Liga con l’Atlético Madrid. Negli ultimi quattordici anni una sola volta ha vinto in Spagna una squadra che non è il Real Madrid e non è il Barcellona, è l’Atlético Madrid del Cholo e il gol decisivo lo segna Godin al Camp Nou contro il Barcellona, finisce 1-1 ed è il punto che dà la Liga all’Atlético Madrid. Poco più tardi gioca la finale di Champions League, sempre 2014, contro il Real Madrid: è l’anno della Décima, però segna Godin in quella finale e se non fosse per il gol di Sergio Ramos al 93′ avrebbe vinto la Champions League l’Atlético Madrid di Diego Pablo Simeone. Poi segna Sergio Ramos, per la fortuna di Carlo Ancelotti e del Real Madrid, e ai supplementari vince. Pochi mesi più tardi, sempre 2014, segna all’Italia: è l’anno magico di Godin e l’anno maledetto per noi perché in Italia-Uruguay ci segna il gol decisivo, vince l’Uruguay 0-1 nella terza sfida del girone e noi andiamo a casa per il gol di Godin, che peraltro ricorda molto il gol che fa al Camp Nou contro il Barcellona con l’Atlético Madrid (di testa su calcio piazzato, ndr). Questo è quello che è stato Godin, è stato uno che ha vinto otto titoli con l’Atlético Madrid, quello che è oggi è comunque uno dei top-5 difensori che ci sono in Europa: è un uomo fondamentale di Simeone e uno che incarna il cholismo, è l’uomo di cui si fida Simeone, è stato leader ed è leader di una delle difese più forti d’Europa, forse la più forte quella dell’Atlético Madrid che non prende gol quasi mai. In questa stagione ha giocato tredici partite e ha segnato due gol, ha avuto qualche piccolo problema muscolare e visto che, probabilmente, arriverà a parametro zero all’Inter quando aveva diciassette anni, nel 2003, fu venduto per ottocentoquaranta pesos, cioè ventisette euro».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.