Mondo Inter

Altobelli: “Compleanno? Voglio due regali dall’Inter! Nessun paragone”

Altobelli oggi compie sessantacinque anni. L’ex attaccante dell’Inter, autore di duecentonove gol fra il 1977 e il 1988, ha parlato a Inter TV nel prepartita di Sassuolo-Inter. Ecco le sue dichiarazioni.

IL RICORDOAlessandro Altobelli parla dei suoi undici anni all’Inter: «Tutte le partite e i gol li ho nel cuore, perché sono nato interista e morirò interista. Un momento particolare? Per un attaccante il gol è il risultato finale di una settimana di allenamenti, dove partecipano tutti i calciatori. Quando segno un gol il merito bisogna dividerlo fra tutti, e non c’è un gol bello o brutto o che ricordo magari più di un altro. Non ce n’è uno che mi è rimasto impresso: tutti quelli che ho fatto mi piacciono tutti, perché li ho fatti pensando di fare gol e non per fortuna».

NESSUN CONFRONTO – Altobelli non trova somiglianze fra lui e gli altri attaccanti dell’Inter: «Non mi piace fare paragoni e accostarmi a qualcuno, o accostare qualcuno a me. Prima di me c’era Roberto Boninsegna, ora ci sono Romelu Lukaku e Lautaro Martinez. L’Inter ha avuto i più grandi attaccanti che sono arrivati in Italia, non voglio sminuire nessuno perché penso che ognuno abbia le sue caratteristiche e abbia fatto tanto per l’Inter».

VINCERE OGGI! – Altobelli si sposta sul presente: «Che regalo dall’Inter? Il regalo più bello in senso assoluto, intanto, è cominciare a vincere oggi col Sassuolo e rimettere a posto la classifica. Un altro regalo che potrebbe farmi è fare il miracolo di superare il turno in Champions League. Poi, magari, migliorare il risultato dell’anno scorso: non è poco, perché l’anno scorso abbiamo fatto la finale di Europa League e siamo arrivati secondi. Mi auguro di fare qualcosa in più dell’anno scorso, speriamo di riuscirci».

IL SALUTO – Altobelli chiude parlando di Diego Armando Maradona: «Cosa vogliamo dire? È stato il numero uno, mai più nessuno come lui. Quello che ci ha fatto vedere sono giocate strabilianti, che una persona comune non riesce a fare. Maradona è stato il calcio: lui le cose difficili le faceva fare facili, una squadra con Maradona partiva sempre uno o due a zero. Dico la verità: non mi sono piaciute le dichiarazioni di qualcuno, anche importante e italiano, che ha parlato della vita di Maradona. Ognuno dovrebbe guardare la sua vita, io non sono in grado di giudicare nessuno. Accetto tutto quello che Maradona ha fatto, si è fatto del male da solo e ha pagato un conto salato, quindi massimo rispetto per questo giocatore e uomo, che non amiamo solo noi in Italia ma in tutto il mondo».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh