Albertini: “Molti interessi in gioco, ma conta la salute. No bisogno di eroi”

Articolo di
10 Marzo 2020, 13:55
Condividi questo articolo

Demetrio Albertini, intervistato da Marca, ha parlato della situazione del calcio italiano e della Serie A a causa dell’emergenza Coronavirus che ha investito il nostro Paese. Ecco le sue parole

INTERESSIAlbertini parla dei prossimi sviluppi sulla questione legata al Coronavirus: «Alle due ci vedremo e vedremo. Non posso dire nulla adesso perché ci sono anche molti interessi in gioco. Il governo è logicamente al di sopra della Federazione e qui non abbiamo bisogno di eroi. Qui siamo tutti uguali. Un calciatore può avere una maggiore attenzione nel suo club rispetto a un comune cittadino, ma poi deve uscire nel mondo reale ogni giorno. La cosa più importante è la salute di tutti».

LA SITUAZIONE – E il governo avverte di rimanere a casa. Questo il pensiero di Albertini: «È normale. È un virus che si diffonde molto rapidamente e la paura in generale in tutti i paesi è il collasso degli ospedali. Biologi e medici in Italia affermano che stando a casa per quindici giorni può calmarsi un po ‘, quindi penso che sia la cosa migliore. In Italia siamo in anticipo di un mese, niente di più, anche se è vero che l’esperienza di ciò che è accaduto qui per migliorare le misure in Spagna. La cosa più importante è che le persone ne siano consapevoli. Misure drastiche sono state anche prese durante la notte. So che a Madrid c’è stata una manifestazione il giorno prima della chiusura delle scuole, ma qui si trattava di giocare a porte chiuse per sospendere lo sport. Parlare di errori passati non vale più nulla».

Fonte: Marca.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE