Adani: “Trequarti Inter decisiva, ora è il centravanti d’area quello atipico”

Articolo di
2 settembre 2018, 14:49
Daniele Adani

Daniele Adani, ospite negli studi di Sky Sport, ha analizzato la prestazione dell’Inter contro il Bologno soffermandosi in particolare sulla mancanza di un vero centravanti e l’importanza delle giocate della trequarti.

INSERIMENTI – Contro il Bologna Luciano Spalletti è stato costretto ad utilizzare Keita Baldé nel ruolo di prima punta a causa dei problemi fisici di Mauro Icardi e Lautaro Martinez: «La trequarti? Quel ruolo è stato occupato bene da Nainggolan seppur senza troppa qualità e senza illuminare durante la gara ma col colpo decisivo ricevendo sempre di taglio e mai di spalle in quella posizione tra la linea di centrocampo e la linea di difesa avversaria. Nella stessa posizione, quando esce Nainggolan, riceve Vecino quindi richiamiamo anche i cambi: Vecino riceve da quella posizione, allarga a Perisic e viene fuori il gol di Candreva. Politano viene a fare il centravanti di manovra e sempre da quella posizione lì allarga per Perisic che segna il terzo gol. Quindi quella posizione è stata interpretata bene proprio perché in quella zona del campo si decidono le partite quando davanti non hai una punta che ti occupa uno spazio. Al giorno d’oggi l’attaccante atipico è quello che sosta dentro l’area di rigore mentre una volta era quello che si muoveva ad essere atipico. Oggi l’attaccante è quello che apre gli spazi per i trequartisti, i finti trequartisti e le ali che vanno a tagliare e concludere».







ALTRE NOTIZIE