Mondo Inter

Adani: “Inter, ecco cosa voleva dire Conte. Lautaro Martinez può giocare…”

L’ex calciatore e opinionista di “Sky Sport”, Daniele Adani, ha commentato a caldo gli spunti di Brescia-Inter. L’allarme di Conte e l’esplosione di Lautaro Martinez e Lukaku tra i temi affrontati. 

TANDEM DI FUOCO – L’ultima volta in cui due attaccanti dell’Inter, dopo dieci giornate di campionato, avevano segnato almeno cinque gol a testa è stata nel 2012-2013. Si trattava della coppia Milito-Cassano, agli ordini di Andrea Stramaccioni. Oggi è un’Inter ben diversa, come sottolinea anche Daniele Adani, ex calciatore nerazzurro: «Guardando la rete di Romelu Lukaku, dico che la vittoria sul Brescia è frutto di mercato e lavoro. In particolare il gol dello 0-2, rimarca che è stato preso un attaccante che non solo segna, ma che è focalizzato prima sul gioco e poi sull’andare in gol. Si vedono dei meccanismi provati e riprovati. E poi la condizione fisica di Lukaku è migliorata, consentendogli di ampliare il proprio raggio d’azione. In questo modo crea spazio per sé e per i suoi compagni».

TORO ON FIRE – Nelle prime quarantadue partite giocate con l’Inter, Lautaro Martinez aveva segnato solo dieci gol. Quest’anno, nelle ultime sei, ne ha segnato praticamente uno a partita. Le motivazioni di tale crescita, secondo Adani, non sono esclusivamente tattiche: «L’argentino è cresciuto molto. Lui è sempre stato istintivo, aveva bisogno di essere educato tatticamente e di prendere consapevolezza della propria forza. Ha dovuto imparare a calibrare le proprie scelte in mezzo al campo. Antonio Conte gli ha semplificato la vita dandogli direttive nette, completate attraverso il suo talento e la capacità di poter giocare con ogni tipo di compagno al suo fianco».

SOS – L’ex calciatore dell’Inter ha poi provato ad analizzare in profondità le parole di Conte (vedi articolo): «Interpretando le sua parole più in profondità, credo intendesse “Volevo Edin Dzeko e non l’avete preso. Mi avete comprato Alexis Sanchez e mi può andar bene, ma aveva poche partite nelle gambe ed era a rischio infortunio, cosa poi accaduta. Non mi avete preso un calciatore da quaranta partite (Dzeko, ndr) per un altro che si è fatto male costringendomi a lanciare Sebastiano Esposito“. Sono primi in classifica, però la richiesta di riposo è legata alla richiesta in campo ai suoi giocatori. Questa squadra ha estremo bisogno di rifiatare e si vede».

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.