FocusMatch

Top e Flop di Inter-Spezia: Hakimi alza la voce, 2 insieme a lui. Tre bocciati

Inter-Spezia si è chiusa con la vittoria dei nerazzurri per 2-1, che rimangono dunque attaccati al Milan capolista e vittorioso sul campo del Sassuolo. Gli uomini di Conte, dopo un primo tempo privo di gioco e occasioni, trovano i tre punti nel secondo tempo con le reti di Hakimi e Lukaku su rigore (vedi moviola). La squadra, pur non brillando, ottiene la sesta vittoria consecutiva in campionato (vedi analisi tattica). Scopriamo di seguito i “Top e Flop” nell’apposita rubrica

I TOP DELL’INTER: HAKIMI IN VERSIONE TRENO, YOUNG ALZA LA TESTA, LAUTARO MARTINEZ CORSA E SACRIFICIO

HAKIMIAntonio Conte lo schiera dal 1′ preferendolo a Matteo Darmian. Il marocchino, dopo un primo tempo decisamente sottotono, inverte immediatamente l’inerzia del match in apertura di secondo tempo: l’ex Borussia Dortmund, lanciato da Lautaro Martinez, parte come un treno e batte Ivan Provedel con un destro preciso sul primo palo. Il gol porta l’Inter in vantaggio, ma anche due record personali (vedi articolo).

YOUNG – L’inglese rialza finalmente la testa dopo un paio di prestazioni negative e poco brillanti. Nel primo tempo è tra le poche note positive dell’Inter: prova a sfondare, sfiorando anche il gol (unica occasione nerazzurra nei primi 45′). Cala un po’ nel corso del match, mantenendo comunque un buon ritmo.

LAUTARO MARTINEZ – Non trova il gol, ma è il più brillante della coppia offensiva. Lautaro fa una partita di sacrificio e lotta, proprio come piace a Conte. Anche lui alza il ritmo nel secondo tempo, confezionando un prezioso assist per Hakimi. Quando il tecnico leccese decide di fare un cambio in attacco, il prescelto è Romelu Lukaku: non un caso.

I FLOP DELL’INTER: BROZOVIC SPENTO, GAGLIARDINI CONFUSIONARIO, VIDAL STATICO E INCONSISTENTE

BROZOVIC – Che il croato non sia in giornata è una cosa che salta subito all’occhio: spento, impreciso ed elementare in fase di impostazione. Corre molto, ma senza produrre niente. Al 18′ viene ammonito per gioco scorretto e al 66′ Conte decide di sostituirlo con Arturo Vidal. Giornata nera.

GAGLIARDINI – Errori e imprecisione caratterizzano la sua prestazione. Il centrocampista ex Atalanta si fa notare più per gli aspetti negativi che per quelli positivi. Anche nel dialogo con i compagni non si fa trovare pronto, sbagliando palloni potenzialmente pericolosi. Sul finire di primo tempo rimane a terra in seguito a uno scontro aereo con Ismajli e Conte lo sostituisce a inizio secondo tempo con Stefano Sensi. E la differenza si nota.

VIDAL – Entra in campo al 66′ al posto di uno spento Brozovic, ma dal punto di vista tecnico non cambia nulla. Il cileno, reduce da un infortunio, è ancora arrugginito e troppo statico. L’ex Barcellona commette una serie di errori e non aggiunge nulla alla prestazione dell’Inter. Si attende ancora una sua partita senza sbavature.

Oltre ai Top e Flop, clicca qui per leggere le nostre pagelle al termine di Inter-Spezia

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh