Match

Spalletti verso Rapid Vienna-Inter senza dubbi: la formazione sembra fatta

Luciano Spalletti si prepara all’esordio della sua Inter in Europa League contro il Rapid Vienna con pochi dubbi e tante certezze (almeno di formazione), in un momento in cui si parla poco di campo e troppo di vicende extra campo che non fanno altro che danneggiare il rendimento dei nerazzurri

SPIRITO GIUSTO – Archiviata positivamente l’insidiosa trasferta di Parma grazie al gol di Lautaro Martinez che è valso una bella boccata d’ossigeno ben oltre i tre punti, Luciano Spalletti è proiettato alla trasferta di Vienna che può rappresentare un importante punto di svolta per provare a superare più turni possibili in Europa League con la cocente eliminazione ai quarti di Coppa Italia in casa contro la Lazio il giorno dopo l’eliminazione contemporanea di Juventus e Napoli ancora negli occhi. Se da un lato i nerazzurri devono respingere gli assalti di Milan, Atalanta, Lazio e Roma per difendere il terzo posto ormai stabilmente occupato dal mese di ottobre, dall’altro c’è una coppa europea da onorare e affrontare con lo spirito di chi ha voglia di riscatto dopo aver perso la ghiotta occasione di sollevare la coppa nazionale. Per farlo, il tecnico nerazzurro si trova a dover fare i conti con la rosa ridotta (QUI per leggere la lista presentata dal club nerazzurro) e con due pesanti squalifiche: Dalbert, Roberto Gagliardini e Joao Mario esclusi, Milan Skriniar e Marcelo Brozovic squalificati dopo le ammonizioni rimediate a dicembre contro il PSV Eindhoven in Champions League.

POCHI DUBBI – Ecco quindi che Spalletti si appresta a schierare una linea difensiva a quattro composta da uno tra Danilo D’Ambrosio e Cedric Soares sulla destra, Stefan de Vrij e Joao Miranda al centro e Kwadwo Asamoah sulla sinistra. A centrocampo tocca ancora a Matias Vecino, accanto a lui dovrebbe tornare un Borja Valero recuperato dal problema al ginocchio che lo aveva fermato nel riscaldamento di Inter-Lazio di Coppa. Lo spagnolo è il sostituto naturale di Brozovic, ma qualora non dovesse farcela l’unica opzione credibile sarebbe lo spostamento di Asamoah in mediana con D’Ambrosio dirottato sulla sinistra. Davanti ancora meno dubbi: torna Matteo Politano sulla destra dopo le due giornate di squalifica scontate in campionato, con Ivan Perisic sulla fascia opposta per confermare i progressi mostrati a Parma. Stessa identica cosa che dovrà fare Radja Nainggolan, anche lui sicuro di un posto sulla trequarti dietro a uno tra Mauro Icardi, chiamato a spazzare via almeno in parte le fastidiose chiacchiere sul suo rinnovo di contratto gonfiando quella rete che non gonfia con regolarità da troppe partite, e un Lautaro Martinez galvanizzato dalla rete del “Tardini”. Antonio Candreva invece dovrebbe accomodarsi in panchina a fungere da primo cambio a disposizione di Spalletti in attesa del pieno recupero di Keita. Insomma, da sciogliere il dubbio sulla fascia destra e sull’eventuale chance dal primo minuto per Lautaro, ma per il resto la formazione per provare ad avvicinare la qualificazione agli ottavi segnando più gol possibili è pronta.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh