Zanetti a MP: “Partita difficile. Calleri? Niente di ufficiale”

Articolo di
10 gennaio 2016, 12:11
Zanetti Radio

Il vice presidente dell’Inter ha parlato della partita di oggi contro il Sassuolo concedendosi pure alcune considerazioni sul mercato in entrata e in uscita

L’Inter è quasi pronta a scendere in campo contro il Sassuolo e per affrontare la squadra di Di Francesco, Roberto Mancini ha deciso di stupire tutti confermando la formazione vittoriosa a Empoli, una novità considerando che in questo campionato il Mancio ci ha abituato a cambiare formazione ogni partita. Il vice presidente Javier Zanetti ha iniziato la sua intervista a Mediaset Premium parlando proprio di questo: “Il mister ha a disposizione tanti giocatori che possono fare bene e questo lo sa benissimo”.

IL TITOLO D’INVERNO- “Siamo alla fine del girone di andata, per noi la cosa più importante è vincere oggi, il titolo d’inverno non conta così tanto. Soprattutto bisogna dare continuità all’ultima partita dove abbiamo vinto su un campo difficile continuando questo percorso che ci vede primi”.

CONTINUARE COSI’- “Credo che qualcosa di buono la stiamo facendo, non è un caso che siamo primi. La squadra è solida, consapevole delle proprie forze, a volte gioca bene a volte meno, ma la solidità è una cosa importante e vogliamo continuare questo percorso”.

LAVEZZI SI O NO?- “E’ da tanto che si parla del pocho, io lo conosco benissimo. Parliamo di un grandissimo campione che farebbe bene in qualsiasi squadra”.

ARRIVA MERTENS?“Non so, è un altro grandissimo campione. Noi in questo momento pensiamo alla partita di oggi che è molto importante e difficile, il mercato chiude a fine mese e avremo il tempo di pensarci. Se potremo fare qualcosa per rinforzare la squadra ci faremo un pensiero”.

RANOCCHIA VA VIA?- “Andrea sa benissimo che in questo momento ha poco spazio, nessuno discute il suo valore, si valuterà assieme perché stiamo parlando di un ragazzo che ha un grande valore umano ed è giusto che si parli prima con lui delle cose che si vogliono fare”.

ICARDI CAPITANO- “Icardi è importantissimo, vive dentro lo spogliatoio, è molto giovane e c’è tanto da imparare e da fare, ma sta crescendo molto bene, ci teniamo tantissimo perché oltre alle qualità in campo è importante anche fuori. Tutti vogliamo che questo gruppo possa sentirsi bene e un punto di riferimento come Mauro è importante”.

CALLERI NON UFFICIALE- “Calleri è un grandissimo giocatore, in Argentina lo danno come fatto per l’Inter, ma non è vero, non c’è niente di ufficiale. L’unica cosa che posso dire è che in questo momento all’Inter non arriva, il mercato è ancora lungo e le regole non permettono che arrivi, in questo momento non facciamo passi avanti perché ci concentriamo su questa partita, ma sul valore del giocatore non si discute”.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE