Inter-Parma: Spalletti punta su Keita, ma Icardi scalfisce le certezze – GdS

Articolo di
15 settembre 2018, 09:03
Luciano Spalletti Inter

“La Gazzetta dello Sport” ci presenta il ballottaggio in attacco tra Mauro Icardi e Keita Baldé. Chi dei due giocherà titolare in Inter-Parma? Il punto sulla situazione e il pensiero di Luciano Spalletti.

BALLOTTAGGIO IN ATTACCO – Mauro Icardi ha fatto solo l’ultimo allenamento con i compagni ieri mattina. Keita Baldé è pronto a giocare nuovamente dall’inizio. L’argentino è abituato a essere solo titolare ma non può non pensare alla prima volta in Champions League. Keita è un jolly della zona offensiva ed è tornato dalla nazionale con un super gol nella valigia. Luciano Spalletti non ha ancora scelto chi dei due vincerà il ballottaggio per l’importante sfida contro il Parma, ma guarda anche al Tottenham e sa che comunque vada in attacco è messo molto bene. Icardi o Keita? I tifosi hanno già scelto , ma è molto probabile che i 60 mila di San Siro oggi pomeriggio vedano tutti e due, magari anche insieme in un gioco di cambi che può coinvolgere pure Ivan Perisic.

SPALLETTI PENSIERO – Spalletti conosce i numeri importanti di Keita da centravanti e lo confronta così con il bomber Icardi: «Keita ha dimostrato che sa giocare da prima punta. Mauro attacca bene lo spazio, Keita palleggia, viene a prendere la palla e a dialogare. Hanno qualità che possono essere abbinate, la squadra però trova soluzioni in maniera differente in base alle scelte che vengono fatte: contro il Bologna abbiamo vinto 3-0 e c’era Keita. Icardi sarà di questa partita, prima o dopo, il problema non sussiste: tutti i ragionamenti li faremo a 360 gradi».

IL PUNTO SU ICARDI – Dopo lo stop di Bologna per un problema alla coscia destra, gli allenamenti e 85 minuti di campo con la Seleccion Argentina. In mezzo a tutto questo ci sono i cambi di fuso orario, un rientro lampo ad Appiano, e la testa che corre alla Champions. Icardi si sente bene ed è carico per la partita contro il Parma, tanto che la sua pressione su Spalletti potrebbe cambiare gli scenari. Un gol contro il Parma potrebbe essere la giusta medicina per ridare la carica al bomber, ancora a secco in questa Serie A.

CERTEZZA KEITA – Comunque vada, l’ex Monaco è il punto fermo dello scacchiere di Spalletti. Contro il Parma confermato il 4-2-3-1 visto a Bologna. Il senegalese è stato preso proprio per la sua capacità di adattamento a tutti i ruoli dell’attacco: nasce esterno, però alla Lazio ha vinto le partite anche da prima punta. Un jolly preziosissimo, che tra l’altro al Parma ha segnato il primo gol in Serie A, nel novembre 2013. Anche lui, poi, ha l’umore a mille: il gol il gol di Keita in nazionale contro il Madagascar potrebbe avergli dato la scossa giusta.







ALTRE NOTIZIE