Bucchi: “Inter avversario proibitivo ma non andremo a Milano a difenderci”

Articolo di
12 Gennaio 2019, 14:19
Condividi questo articolo

Cristian Bucchi ha parlato in conferenza stampa della sfida di domani pomeriggio che vedrà il suo Benevento affrontare l’Inter a San Siro negli ottavi di finale della Coppa Italia.

INTER FORTISSIMA – «Puggioni fuori per scelta tecnica, Viola purtroppo ha ancora fastidi alla caviglia e non ha superato il problema nella sosta ma il dolore persiste. Asensio è stato male questa notte, credo sia un virus e quindi è inutile convocarlo perché rischierebbe di contagiare anche i compagni. Che Benevento dobbiamo aspettarci? Dobbiamo aspettarci il Benevento che ha chiuso questo girone d’andata perché credo che sopratutto nell’ultimo mese abbiamo fatto delle buone cose tranne la partita col Verona che è stata condizionata da un nostro brutto primo tempo e da tanti episodi ma dove comunque non meritavamo di perdere. Ci sono state tante partite dove abbiamo tenuto benissimo il campo, siamo stati aggressivi, abbiamo giocato e siamo stati anche sbarazzini. Questa è la squadra che voglio vedere domani. Giochiamo al cospetto di una squadra fortissima, proibitiva credo per l’80% delle squadre di Serie A e quindi figuriamoci per quelle delle categorie inferiori. Però dobbiamo andare lì a giocarcela, non voglio vedere una squadra che va lì a difendersi per cercare di prendere il meno possibile o parare il colpo. Andiamo lì a giocare, tranquilli. Ci saranno i momenti in cui soffriremo, ci metteranno sicuramente in grande difficoltà però proveremo anche noi a fare le nostre cose, convinti che se faremo una grande prova di squadra qualcosina di buono possiamo fare e qualche grattacapo all’Inter possiamo crearlo anche noi. Difesa? Gioca Tuia perché lavora ormai da un mese con noi ed è arrivato il momento di vederlo in campo. Maggio è tra i convocati ma non sarà utilizzato domani perché è in una fase di recupero. Di San Siro ho un doppio ricordo: la mia seconda partita da titolare in Serie A giocata davanti a 73 mila spettatori: era l’Inter di Simoni e di Djorkaeff. Due mesi prima giocavo in Eccellenza e mi sono ritrovato a San Siro quindi ho vissuto una giornata un po’ partitcolare. Stadio meraviglioso, squadra fortissima e bellissima esperienza. Non è vero che non abbiamo niente da perdere perché è giusto andare lì a giocarsela a viso aperto senza rimpianti e poi quello che verrà verrà. Chi la preoccupa dell’Inter? In una squadra così forte credo che ogni ruolo sia occupato da un campione. Perisic, Politano, Candreva, Keita, Icardi, Lautaro Martinez… chiunque metti dentro sono dei top a livello mondiale. Sugli esterni hanno Asamoah, Vrsaliko, D’Ambrosio e Dalbert che sembra l’ultima scelta loro ma è una primissima scelta. In mezzo al campo hanno Brozovic, Joao Mario, Borja Valero, Gagliardini, Vecino e Nainggolan… da dove prendi, prendi bene per loro e male per noi. Credo siano tutti dei top player e quindi dobbiamo essere bravi a cercare di farli giocare male con l’aggressività e i nostri mezzi quindi grandissimo rispetto ma non timore o paura e se saremo bravi terremo la partita aperta sennò le loro maggiori qualità emergeranno. Porte chiuse? Dispiace perché era un’opportunità per la città di Benevento, certe cose vanno debellate ma non a discapito degli innocenti che in questo caso sono i nostri tifosi che avrebbero meritato di assistere a questa partita o di poterla vedere direttamente a Benevento. Noi non possiamo avere i nostri tifosi perché questioni che non dipendono da noi».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.