Zenga: “Sogno l’Inter? Rispetto Spalletti, auguro la CL. A San Siro…”

Articolo di
4 febbraio 2018, 00:28
Zenga

Walter Zenga – ex portiere dell’Inter, oggi allenatore del Crotone -, intervistato dai microfoni di “Rai Sport” durante la diretta del “Sabato della DS” su Rai 2, analizza l’importante punto ottenuto a San Siro contro la “sua” Inter e minimizza quando gli viene chiesto del suo (sogno) futuro in nerazzurro

EMOZIONE NERAZZURRA – L’unico interista felice dell’1-1 di San Siro è Walter Zenga: «L’emozione c’è ogni qualvolta torno a San Siro: sembra che ho smesso di giocare un anno fa, questo perché i tifosi dell’Inter apprezzano il ragazzo-tifoso che ha fatto tutta la trafila lì e poi ha indossato 473 volte la maglia nerazzurra. E lo avrei fatto anche per più partite, ma mi hanno mandato via perché ero diventato un ex portiere e va bene cosi (ride, ndr). Io sono l’allenatore del Crotone e la prestazione della squadra mi ha assolutamente soddisfatto: è un percorso che abbiamo iniziato prima, appena sono arrivato, sono fortunato perché i ragazzi mi seguono e credono in me, poi questi sono i risultati che arrivano».

SOGNANDO L’INTER… – «Il mio sogno è sempre allenare l’Inter? All’Inter c’è Luciano Spalletti: ho molto rispetto per lui e per tutti i nostri colleghi, io parlo solo del Crotone. Spalletti è un professionista esemplare: so quanto è difficile il nostro lavoro, gli auguro il meglio e di arrivare in Champions League. E’ difficile descrivere l’emozione, quando torni a casa dove ami e sei amato i sentimenti sono contrastanti: è qualcosa di complicato, sono stato bravo perché sono riuscito a stare concentrato sulla mia squadra, che ha giocato bene e si è meritata il punto contro una squadra e un allenatore di spessore».







ALTRE NOTIZIE