Spalletti obbligato nelle scelte, ma tattica e correttivi non funzionano – GdS

Articolo di
12 dicembre 2018, 10:41
Spalletti

Luciano Spalletti non ha convinto in scelte e gestione della partita col PSV. La “Gazzetta dello Sport” boccia il tecnico, che pure in certe cose era obbligato.

SCELTE OBBLIGATE – Vecino in­fortunato, Nainggolan a scarta­ mento ridotto, Gagliardini e Jo­ao Mario fuori dalla lista Uefa: a centrocampo scelte quasi obbligate. Spalletti condannato a una mediana con Brozovic per­no centrale e con Candreva e Borja Valero. Non crocifiggia­mo l’allenatore per la scelta de­gli uomini, non c’erano tante altre soluzioni.

LA TATTICA NON TORNA – Le direttive strategiche però sono sembrate sballate, non si può chiedere a Candreva e Borja Valero di an­dare a pressare alti e di riposi­zionarsi con rapidità in non possesso. Parliamo di due gio­catori di una certa età, uno dei quali – Candreva – è disabitua­to a muoversi in posizione più accentrata. Effetto collaterale immediato, lo sbilanciamento. Ogni ripartenza del Psv diven­tava una tempesta ormonale dei giovani di Van Bommel, ra­gazzi di fisico e di velocità. Si creavano frontali individuali a palla scoperta, con i difensori interisti costretti a scappare al­l’indietro. Una mattanza.

BOCCIATO – Il voto di Spalletti nelle pagelle è 5. Le scelte iniziali non pagano (Candreva mezzala…), i correttivi (cambio di sistema e tante punte) non danno all’Inter il coraggio per il colpo del k.o. Nelle ultime sette partite una sola vittoria, contro il Frosinone: la continuità, questa sconosciuta.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE