Sarri: “Voglio le scuse di Mancini, queste sono cose da campo!”

Articolo di
19 gennaio 2016, 23:46
Maurizio Sarri Napoli

Maurizio Sarri, alla fine di Napoli-Inter, si è fermato ai microfoni di “Zona 11 p.m” in onda su Rai Sport per rispondere alle pesanti accuse mossegli da Roberto Mancini. Di seguito le sue dichiarazioni

OFFESE PESANTI – «Io ero contrariato per la decisione su Mertens, non ce l’avevo con Mancini. Ho visto che si lamentava con l’arbitro per l’entità del recupero, sono cose da campo che dovrebbero finire in campo, ci si dà la mano e finisce tutto. Sono le classiche cose da campo, non mi sono accorto di aver detto qualcosa a lui. Gli ho chiesto scusa , lui era contrariato, mi aspetto che anche lui si scusi. Da uomini di sport si dovrebbero accettare le scuse e far finire tutto. Non mi ricordo neanche di averlo offeso, può essere che l’abbia offeso ma è finita lì. La parola omofobo mi sembra un’esagerazione, era un insulto di rabbia, senza nessun secondo fine, io non ce l’ho con Mancini, mi è scappata una parola perché ero nervoso, ho perso lucidità perché mi è sembrata un’ingiustizia l’espulsione di Mertens».

SCUSE PUBBLICHE – «Le mani addosso c’erano, si può dare o non dare il rigore, ma il rosso è troppo e anche l’entità del recupero mi è sembrata ingiusta. C’è una tensione in campo che nella vita reale non c’è e la parola di troppo può scappare, poi si accettano le scuse. L’offesa in campo ci sta ma poi dovrebbe finire tutto. Per me era un qualcosa che doveva finire in pochissimi secondi, poi è diventata una cosa che è uscita dal campo. Io non lo avrei fatto, ma accetto che una persona la pensi diversamente. Come qualsiasi tipo di offesa è inopportuna, però non è normale che certe litigate fatte in campo escano dal campo. Io più che chiedere scusa a Mancini non so cosa fare, gli ripeterò le scuse, gli manderò un messaggio, più di così non posso fare, mi sembrava una normale litigata con toni da non usare assolutamente, però ho sentito e visto di peggio in campo. Sotto stress può succedere, spero che Mancini a mente fredda cambi idea. Non c’è nessun tipo di discriminazione, non ho nessun tipo di remora in questo senso».

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE