Inter-Zenit, top e flop: Icardi-Lautaro, gol e qualità. Gagliardini impreciso

Articolo di
21 luglio 2018, 22:23
Icardi

L’Inter pareggia contro lo Zenit con il punteggio di 3-3 in amichevole. Vince lo spettacolo: grandi gol e belle giocate, ma anche tanti errori banali da entrambe le parti, soprattutto a centrocampo e in difesa. Analizziamo la partita con i top e flop

TOP, BOMBER AL QUADRATO – La partita è dominata dalle tante imprecisioni a centrocampo, ma in attacco l’Inter è letale. Icardi fa poco nel primo tempo, ma a inizio ripresa si scatena, abbassandosi sulla trequarti, orchestrando tutte le azioni nerazzurre. L’argentino si toglie anche la soddisfazione del gol, questa volta su rigore. Al suo posto, intorno al 62esimo minuto, subentra Lautaro Martinez: ottimo impatto sul match per il Toro, che prima sfiora la rete di testa, poi da pochi passi pareggia la partita. Da sottolineare la grande qualità di Emmers e la straordinaria rete di Candreva che poi, però, fa poco, soprattutto nel secondo tempo.

FLOP, GAGLIARDINI E LA DIFESA – Se le note liete sono in attacco, quelle stonate si ritrovano in difesa e in mediana. Gagliardini si dimostra gravemente impreciso per tutto l’incontro, buttando spesso palloni a casaccio in verticale e rischiando di lanciare i contropiede avversari. Insicuro tutto il reparto difensivo, in particolare Ranocchia, subentrato nel secondo tempo, che sbaglia un paio di palloni banali in impostazione: dal secondo nasce il parziale 2-3 dello Zenit.







ALTRE NOTIZIE